/ Politica

Politica | 01 novembre 2022, 13:51

Anche i 5 Stelle perplessi dall'idea di rendere a pagamento gli stalli di piazza del Palio

Il consigliere Cerruti: "Basta con le decisioni mirate a far cassa sul momento, serve una visione del futuro della città"

Piazza Campo del Palio

Piazza Campo del Palio

L'annunciata decisione di rendere a pagamento gli stalli di sosta di piazza Campo del Palio (CLICCA QUI per rileggere la notizia), sta continuando a suscitare molteplici reazioni politiche. In questo caso, diamo conto, pubblicando integralmente una lettera a firma del consigliere comunale Massimo Cerruti, di quella del MoVimento 5 Stelle

Come MoVimento 5 Stelle esprimiamo la nostra perplessità riguardo la scelta di “tinteggiare di blu” Piazza del Palio. È vero che il Comune si troverà a sostenere spese straordinarie, ma è altresì vero che una tale scelta dovrebbe avere come contraltare un incremento di servizi e della loro qualità.

Ci rendiamo conto che sarebbe molto semplice “sparare a zero” e puntare sulla rabbia delle persone, dei pendolari, di chi raggiunge la nostra città dalle frazioni dimenticate da questa amministrazione, dei commercianti che guardano a questo provvedimento con ansia e preoccupazione dato il contesto nazionale e internazionale.

Siamo rammaricati del fatto che ancora una volta le decisioni le apprendiamo dagli organi di stampa già approvate e finite anziché discuterle preventivamente, a maggior ragione visto che nei giorni scorsi eravamo tutti riuniti in Commissione ad incontrare i vertici di Asp e del Comune e nulla é trapelato. Ci chiediamo perché una accelerazione improvvisa senza manco coinvolgere realtà sociali o ascoltare i pareri di cittadini e ci chiediamo altresì se il Sindaco Rasero abbia esplorato tutte le possibilità, compreso l’intervento a livello nazionale di un Governo del suo stesso colore politico, prima di porre in essere una misura che, a nostro avviso, riscontra diverse ambiguità:

  • Il periodo di grave crisi economica ha già provato seriamente i bilanci familiari, chiedere una quota, per quanto calmierata, potrebbe disincentivare gli spostamenti dall’esterno verso la città con una relativa ricaduta economica;

  • Il parcheggio è uno scalo fondamentale per tutti i pendolari che quotidianamente partono e arrivano ad Asti, trasformare l’enorme parcheggio di Piazza del Palio a pagamento imporrebbe un ulteriore costo a chi è obbligato ad usufruire di quel servizio;

  • Asti di certo non brilla per l’efficienza del suo trasporto pubblico locale: autobus che passano, in alcuni casi, una volta all’ora, zone scarsamente coperte, mancanza di controlli che permetterebbero di migliorare il servizio, sono solo alcune delle lacune che questa amministrazione non è stata in grado di colmare. Auspichiamo che i cinque anni in più chiesti ed ottenuti possano aiutare;

  • Che impatto avrà sulle attività commerciali e il mercato? La condizione del tessuto economico e sociale astigiano è già in difficoltà, temiamo che una tale azione, senza i dovuti bilanciamenti, possa peggiorarla;

  • La rete di piste ciclabili in città non è sufficiente. Chi utilizza la bicicletta quotidianamente sa che, specialmente in alcune zone, può imbattersi in veri e propri circuiti automobilistici con punti anche non del tutto in sicurezza;

  • L’amministrazione ha veramente messo in campo tutte le energie a disposizione per controllare che chi parcheggia negli stalli blu adesso paghi regolarmente il biglietto?

  • Considerato che l’art. 7 comma 8 del Codice della Strada recita “su parte della stessa area o su altra parte nelle immediate vicinanze, deve riservare una adeguata area destinata a parcheggio rispettivamente senza custodia o senza dispositivi di controllo di durata della sosta”, e che senza una equa distribuzione di parcheggi gratis e a pagamento qualsiasi contravvenzione, elevata per il mancato pagamento (e la relativa esposizione) del ticket attestante il versamento delle somme dovute per la sosta, è illegittima, questa amministrazione ritiene adeguato supplire con il Babilano e come intende procedere?

Detto questo, anche per noi, l’ambiente e la sostenibilità sono al primo posto. Sicuramente “stalli blu” vuol dire disincentivo all’utilizzo del mezzo privato, ma ribadiamo che va fornita al cittadino una alternativa valida e funzionante altrimenti ci ritroveremmo di nuovo di fronte a politiche che favoriscono l’acuirsi del divario sia economico che sociale.

Non vogliamo una città di serie A e una di serie B, Asti per dimensioni e possibilità è una realtà perfetta per sviluppare “la città dei 15 minuti”, concetto dell’urbanista franco-colombiano Carlos Moreno e sogno della sindaca parigina Anne Hidalgo, che prevede la riorganizzazione degli spazi urbani in modo che il cittadino possa trovare entro 15 minuti a piedi da casa tutto quello che gli serve per vivere: lavoro (anche in co-working), negozi, strutture sanitarie, scuole, impianti sportivi, spazi culturali, bar e ristoranti, luoghi di aggregazione.

Basta con estemporanee decisioni mirate solo a fare cassa sul momento, introduciamo in esse una visione futura di città. Ci chiediamo, quindi, se il Sindaco intenda portare avanti tale misura anche una volta rientrata l’emergenza e se, qualora decidesse di proseguire, ha già un piano di valorizzazione del tpl e riorganizzazione della città e se vi sia la possibilità di discuterne insieme oppure è già tutto deciso. 

Al direttore


Vuoi rimanere informato sulla politica di Asti e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 348 0954317
- inviare un messaggio con il testo ASTI
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
LaVocediAsti.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP ASTI sempre al numero 0039 348 0954317.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium