/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 22 gennaio 2023, 20:11

"Il mercato di Asti ha sempre avuto orario lungo. Mi fa male mandare via i clienti"

Sfogo social di Corrado Gallo. Il suo banco è in piazza Alfieri da tre generazioni: "Diamo almeno possibilità a chi esce dal lavoro alle 14"

Foto di archivio tratta dal video di una manifestazione

Foto di archivio tratta dal video di una manifestazione

Uno sfogo social che, in poco tempo ha raccolto centinaia di reactions e commenti.

Corrado Gallo storico ambulante di piazza Alfieri con i suoi bijoux da tre generazioni (prima di lui il papà e ora, con lui, la figlia), ha rotto l'abituale riserbo e discrezione per esprimersi con forza sulla riduzione dell'orario del mercato che secondo lui e molti altri, sta penalizzando commercianti e clientela.

"Il Mercato di Asti è sempre stato un mercato con orario lungo, scrive su Facebook, e allora mi fa male dover mandare via i clienti alle 14 perché devo lasciare il posteggio per le 15.30. Mi fa male accettare questa decisione del Comune piovuta dal cielo con motivazioni futili e soprattutto in un periodo di crisi. Mi fa male anche per i miei colleghi. Mi fa male perché chi ha deciso anche tutto questo è stato un ambulante"

Un riferimento al sindaco Rasero che ha spesso rivendicato con orgoglio di arrivare ed essere stato in una famiglia di ambulanti.

"Non chiediamo la luna - continua Gallo - chiediamo semplicemente di poter lavorare. Se la riduzione è per motivi di parcheggio si potrebbe ridurre l’orario portandolo alle 17.00, un orario che almeno permetterebbe di riuscire a dare la possibilità a quei clienti che escono dall’ufficio alle 14".

I commenti

Scrive Patrizia: "È vergognoso! È sempre stato un bel mercato con la possibilità di andare anche il sabato pomeriggio. Ora non più".

Rimarca Mara: "Non mollare e combatti insieme agli altri ambulanti: è davvero stupida questa decisione. Chi deve parcheggiare al pomeriggio si è già aggiustato, io ho sempre parcheggiato con il mercato, non ho mai avuto problemi, ma credo che il problema sia l'incasso dei parcheggi a pagamento".

Per Luisella: "Personalmente al mercato ci vado nel pomeriggio da sempre, specie nel periodo invernale, visto che al mattino fa più freddo. Se il problema sono giustamente i parcheggi, perché allora non trasferirlo nelle vie o piazzette che sono isole pedonali? Secondo me sarebbe bellissimo e Asti ci guadagnerebbe, abbiamo bisogno di ravvivare le vie di Asti".

Tra i tanti messaggi di solidarietà anche quello di Gianni: "Hai tutta la mia solidarietà e spero che il buon senso prenda il sopravvento, perché qui la posta è alta e si mettono in discussione il vostro lavoro e le vostre famiglie, soprattutto loro. Le scelte devono essere sempre condivise tra gli attori della decisione, ovvero voi e la giunta comunale Sindaco in testa. Va ricordato a chi ha la memoria corta o finge spudoratamente che al centro della società c’è l’essere umano. Quindi hai ed avete la mia totale solidarietà".

"Trovo che il mercato part-time sia davvero assurdo e, onestamente, non ne capisco il senso - esclama Carmen -. Io credo che, tutti noi cittadini, dovremmo manifestare insieme agli ambulanti! Come non trovo giusto che tutta piazza del Palio diventi a pagamento. Almeno metà dovevano lasciarla libera. Per legge, nelle vicinanze di un parcheggio a pagamento ci deve essere un parcheggio libero e, non mi pare che, nelle immediate vicinanze di piazza del Palio, ci sia un parcheggio libero o sbaglio?".

Betty Martinelli

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium