/ Sanità

Sanità | 12 marzo 2023, 07:30

Sanità, l'allarme del Pd: "Il Piemonte rischia di ricadere nel Piano di rientro: Cirio chieda più risorse"

I consiglieri Dem Rossi e Valle spronano la giunta di centrodestra: "La Regione esca dall'inerzia e alzi la voce con Roma: bisogna evitare il commissariamento e la riduzione dei servizi"

Sanità, l'allarme del Pd: "Il Piemonte rischia di ricadere nel Piano di rientro: Cirio chieda più risorse"

Rischio Piano di rientro per il Piemonte? Uno spettro che la nostra Regione conosce bene (avendolo visto da molto vicino non molto tempo fa): uno scenario in cui, alla presenza di un commissario, si abbina anche la riduzione dei servizi.

Ecco perché il Partito Democratico, per voce di Domenico Rossi e Daniele Valle, fa risuonare l'allarme. "Il Piemonte esca dall’inerzia e faccia proprie le proposte avanzate dalle altre Regioni: bisogna evitare il commissariamento e la riduzione dei servizi. Servono più risorse”.

"La Commissione salute della Conferenza delle Regioni del 7 marzo - spiegano i dem - ha denunciato con forza come la Nota di Aggiornamento al DEF - Versione rivista e integrata del 4 novembre 2022 comporti “la preoccupante prospettiva che il livello di finanziamento del SSN per il 2025 possa atterrare nientedimeno al 6,0% del PIL”. Parliamo di una percentuale che nel 2019 era al 6,4%, ben al di sotto di Regno Unito (8%), Francia (9,3%) e Germania (9,9)".

"Questo taglio del Governo Nazionale, unito alle conseguenze dell’emergenza pandemica ed energetica, comporta un ulteriore rischio, quello dei “piani di rientro” - proseguono -. L’ipotesi che avanza la Commissione Salute è di consentire che i disavanzi Covid possano essere ripianati dalle Regioni con un piano di ammortamento decennale ed escludere i maggiori costi aggiuntivi effetto della pandemia e del caro energia dalla verifica dell’equilibrio economico-finanziario".

"Ci appelliamo al Presidente Cirio - concludono Rossi e Valle - affinché si attivi presso il Governo, condivida le proposte avanzate da altre Regioni, scongiurando il rischio che la nostra Regione ripiombi nel piano di rientro. Occorre battersi perché venga predisposto a livello nazionale un piano di gestione della spesa sanitaria che non comprometta la programmazione sanitaria regionale, i LEA e il recupero delle liste d’attesa".

Redazione


Vuoi rimanere informato sulla politica di Asti e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 348 0954317
- inviare un messaggio con il testo ASTI
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
LaVocediAsti.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP ASTI sempre al numero 0039 348 0954317.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium