/ Al Direttore

Al Direttore | 11 maggio 2023, 13:15

"La figura di mio padre Gilberto Barbero: medico, antitotalitario, liberale"

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di Paola Barbero, figlia del medico Gilberto Barbero, in occasione dell'Assemblea dell'Ordine dei medici di sabato scorso

Paola Barbero, sabato scorso, con il Prefetto e il presidente dell'Ordine Lucia (Merfephoto)

Paola Barbero, sabato scorso, con il Prefetto e il presidente dell'Ordine Lucia (Merfephoto)

Gentile Presidente, desidero ringraziarla sentitamente per aver voluto inserire il ricordo di mio padre, Gilberto Barbero (1908 - 1994), durante i lavori dell’Assemblea dell’Odine dei Medici di Asti, svoltasi ieri, Sabato 6 Maggio, presso il Teatro Alfieri.

Se dovessi definire mio padre in tre concetti, penso che le parole più adeguate sarebbero: medico, antitotalitario, liberale.

 L’approccio di mio padre al paziente, pur essendo uno specialista nella cura dell’asma e delle allergie respiratorie, fu sempre “olistico”: per lui il paziente era innanzitutto una persona da considerare nella sua complessità, fisica e psicologica.

Dopo essere stato licenziato dalle Molinette per il suo rifiuto di prendere la tessera del Partito Fascista, non rientrò più nella sanità pubblica; applicava tariffe diverse ai suoi pazienti a seconda del ceto sociale e di fronte ai casi di povertà prestava le sue cure gratuitamente. Antitotalitario. Mio padre fu sempre avversario di tutte le forme di autoritarismo: il fascismo, di fronte al quale lo pose la vita e contro cui si schierò fin dai suoi 20 anni; il comunismo, che contrastò durante l’impegno politico del dopoguerra attraverso la sua militanza nel Partito Liberale; il fondamentalismo, che combatté sempre attraverso la sua scelta culturale laica, a partire dalle posizioni assunte a favore del divorzio, della diffusione dell’informazione contraccettiva, della legalizzazione dell’aborto.

Mio padre, Presidente durante la Resistenza del CLN provinciale astigiano, scelse come nome di battaglia “Benedetto” per rifarsi a chi considerava il suo “maestro” di ideali: il filosofo Benedetto Croce, che fu presidente del Partitolo Liberale. Per mio padre il Liberalismo significava non solo amore per la libertà ma anche la congiunzione tra diritti di libertà e doveri di responsabilità civile.

I suoi ideali lo portarono a contribuire, con altri, alla rinascita del Partito Liberale e a militare nelle sue fila. Grazie ancora per il conferimento della bella targa alla sua memoria. E complimenti per la vostra Assemblea: è stata una bellissima occasione di incontro, partecipata e intensa. 

Paola Barbero

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MARZO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium