/ Politica

Politica | 11 luglio 2023, 17:15

"È proprio vero che tutto il mondo è paese". Riflessione dell'ex assessore al Bilancio di Asti, Berzano, sugli aumenti per i bus a Torino

Il consigliere alle Partecipate ricorda le polemiche per i ritocchi alle tariffe Asp e sottolinea che "Torino fagocita il 70% delle risorse regionali sul trasporto pubblico"

"È proprio vero che tutto il mondo è paese". Riflessione dell'ex assessore al Bilancio di Asti, Berzano, sugli aumenti per i bus a Torino

"È proprio vero che tutto il mondo è paese". Commenta così Renato Berzano, consigliere comunale con delega alle Partecipate, commentando il contestatissimo possibile aumento del biglietto del trasporto pubblico a Torino.

Il consigliere di maggioranza, ex assessore al Bilancio ricorda che quando in giunta, qualche anno fa, si decisero i ritocchi alle tariffe Asp, ci fu una levata di scudi da parte della minoranza del consiglio comunale sull’azione "scellerata del Sindaco e del sottoscritto, allora Assessore al Bilancio".

L'ex assessore, di fronte alla notizia torinese e nelle risposte di Gabriella Nardelli, assessore al Bilancio del comune di Torino, rivede, scrive, le stesse ansie affrontate nel cercare le soluzioni.

"L’aumento del costo biglietto - rimarca Berzano - non è certo l’unica risposta a fronte di questi problemi, ma è anche una risposta, immediata, ancorchè di pessimo impatto politico.  A questo primo passaggio, però, deve seguire un attento monitoraggio dei costi di gestione, per evitare che l’impatto benefico dell’aumento tariffario possa essere annullato da inefficienze.  Questo è il lavoro fatto in questi anni in Asp, che ha consentito di non intervenire ulteriormente su quelle voci, nonostante il notevole incremento dei costi dei carburanti e di ogni altro materiale, dovuti alla crisi ucraina".

Il consigliere, nella sua riflessione, ricorda che Torino "fagocita" il 70% delle risorse che la Regione destina al trasporto pubblico (270 milioni), avendo solo il 50% della popolazione regionale.       

"Uno squilibrio che non si può accettare. Il pensiero Torino-centrico di tante amministrazioni regionali (di sinistra come di centro destra) ha portato a questo risultato, con la conseguenza che i servizi in periferia, dal Novarese all’Astigiano, dal Cuneese all’Alessandrino, sono sempre più di basso livello e di scarsa appetibilità. In Regione, per esempio, dicono che noi astigiani, siamo a domanda debole, ovvero con poca richiesta di servizi (tpl), ma è ovvio che se un servizio non è fruibile, ne consegue che hanno sempre meno utenti, e con pochi utenti sei sempre più a domanda debole.  Insomma il classico gatto che si morde la coda".

"Nei rapporti tra forze politiche - conclude Berzano - dovremmo riuscire a affrancarci dagli schieramenti e dalla polemica 'a prescindere'.  Perché amministrare è pratica complessa, e nessuno ha le soluzioni ottime già pronte. Se riuscissimo a maturare questa consapevolezza potremmo unire le forze per affrontare con maggiore decisione ed unità i problemi che ci affliggono, senza perderci in inutili beghe".

Betty Martinelli


Vuoi rimanere informato sulla politica di Asti e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 348 0954317
- inviare un messaggio con il testo ASTI
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
LaVocediAsti.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP ASTI sempre al numero 0039 348 0954317.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium