/ Asti

Asti | 19 febbraio 2024, 18:12

La “valanga” degli Special Olympics pronta a travolgere il Piemonte: in 600 per i Giochi Nazionali Invernali

La manifestazione sportiva aperta ad atleti con e senza disabilità intellettive si svolgerà dal 4 all'8 marzo tra le province di Torino e Cuneo: in arrivo partecipanti da 4 nazioni europee

La “valanga” degli Special Olympics pronta a travolgere il Piemonte: in 600 per i Giochi Nazionali Invernali

La “valanga” di Special Olympics è pronta a travolgere (di nuovo) il Piemonte: dopo i Giochi Nazionali Estivi del 2022, infatti, dal 4 all'8 marzo si svolgeranno i Giochi Nazionali Invernali.

Le gare si svolgeranno tra le province di Torino e Cuneo, e più precisamente a Sestriere, Pragelato, Entracque e Borgo San Dalmazzo e vedranno la partecipazione di circa 600 atleti con e senza disabilità intellettive.

I Giochi

Al momento gli iscritti sono 584, con esponenti provenienti anche dall'estero (Austria, Germania, Lettonia e Ungheria): i Giochi, infatti, saranno un test event per la rassegna mondiale in programma sempre in Piemonte nel 2025 (prima volta in Italia). Gli atleti coinvolti gareggeranno nello sci nordico (Pragelato), nello sci alpino (Sestriere), nello snowboard (Sestriere), nella corsa con racchette da neve (Entracque), nella danza sportiva (Borgo San Dalmazzo) e nel floorball (Sestriere).

"Questo evento - sottolinea il presidente di Special Olympics Italia Angelo Moratti non mette in mostra atleti pagati milioni di euro e non ha diritti televisivi importanti, ma dà risultati sul lungo periodo perché abbatte i muri e i pregiudizi, cambiando la cultura della società".

Il sostegno del Governo

La manifestazione ha anche il pieno appoggio del Governo: “La finalità di tutti noi - commenta il ministro per lo sport Andrea Abodi – deve essere quella di servire la nostra nazione migliorando la qualità della vita. Questi Giochi permettono di farlo attraverso concetti come il rispetto, la solidarietà, la squadra, l'amore, la partecipazione e l'umanità”.

Torino e il Piemonte

I Giochi Nazionali Invernali Special Olympics rappresentano un ulteriore passo di Torino e di tutto il Piemonte nella promozione dello sport tra le persone con disabilità, che culminerà con i Giochi Mondiali del prossimo anno: “Questo - dichiara il presidente della Regione Alberto Cirio – è uno degli eventi a cui teniamo di più perché associa l'eccellenza sportiva ad un importante messaggio di inclusione. Noi ci crediamo perché non rappresenta una spesa ma un investimento”.

Parola agli atleti

Ma i grandi protagonisti saranno gli atleti, come Flavio Ferrero Desiree Palumbo (sci): “Lo sport - racconta il primo – mi ha reso forte sia nel fisico che nel carattere. Oltre ad affrontare qualsiasi tipo di pista e di clima, inoltre, sono anche riuscito ad affrontare le mie paure diplomandomi e iniziando a lavorare”. 

“Solo 4 anni fa - aggiunge la seconda – non avrei mai immaginato i cambiamenti fatti come persona grazie allo sport: quando scio mi sembra di volare, mi sento libera e supero le mie difficoltà”.

Marco Berton

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium