/ Attualità

Attualità | 26 febbraio 2024, 17:22

Asti-Cuneo: 'rinviato a settembre' il pagamento con il sistema "free flow"

I portali verranno gradualmente attivati, come previsto, dal primo marzo, ma l'effettivo pagamento dei pedaggi diventerà operativo dal primo settembre

Lavori di allestimento di uno dei portali

Lavori di allestimento di uno dei portali

La società Asti-Cuneo rende noto di aver posticipato al 1° settembre 2024 il pagamento dell’autostrada attraverso il nuovo sistema di esazione dei pedaggi “Free Flow” che sarà attivato a partire dal prossimo 1° marzo, unicamente in modalità lettura, sul tratto Asti (loc. Isola d’Asti) – Castagnito (Alba Est) dell’autostrada. Sino al 1° settembre, pertanto, resterà in vigore l’attuale sistema di pagamento tradizionale presso la barriera di Govone.

Dal prossimo 1° marzo la società Asti-Cuneo attiverà gradualmente lungo l’autostrada, come già comunicato, i nuovi portali “Free Flow”, avviando così un periodo transitorio di sei mesi per accompagnare gli utenti nella conoscenza del nuovo sistema e dei relativi metodi di pagamento. A tal fine la Società ha pianificato per i prossimi mesi una specifica campagna di comunicazione.

Lo slittamento dei tempi per l’esazione del pedaggio in modalità “Free Flow” accoglie altresì positivamente le istanze pervenute dalla Regione Piemonte e dal territorio in merito alla necessità di consentire agli utenti autostradali di scoprire le nuove modalità di pagamento, anche in considerazione della portata innovativa che tale sistema determina sui comportamenti e sulle abitudini degli utenti stessi.

Il sistema “Free Flow” è un metodo di esazione del pedaggio che permette di pagare senza rallentamenti né soste al casello, grazie ad appositi portali installati lungo il percorso. Il “Free Flow” - afferma una nota della società concessionaria - apporta vantaggi agli utenti e benefici all’ambiente: senza code e rallentamenti alle barriere, aumentano i livelli di sicurezza e si riducono le emissioni inquinanti dei veicoli in attesa.

L’attivazione dei nuovi apparati tecnologici consentirà agli utenti che si registreranno, a partire dal prossimo 1° marzo, sulla piattaforma dedicata sul sito della società (www.asticuneo.it) di scoprire il funzionamento del “Free Flow”, nonché i vantaggi economici di un sistema che prevede costi legati esclusivamente all’utilizzo reale dell’infrastruttura (“pay per use”).

L’avvio di un periodo transitorio costituisce quindi un concreto e progressivo momento di avvicinamento e fidelizzazione da parte dei clienti alle nuove modalità di pagamento.

CIRIO E GABUSI: "IN QUESTI SEI MESI GLI AUTOMOBILISTI SI POTRANNO ABITUARE AL NUOVO MECCANISMO"

Soddisfazione per la decisione è stata espressa - al termine dell'incontro svoltosi a seguito della riunione del CdA della concessionaria autostradale -  dal presidente della Regione, Alberto Cirio, e dall'assessore regionale alla Infrastrutture, Marco Gabusi: "Questi sei mesi - hanno affermato - serviranno per testare il sistema e abituare gli automobilisti al nuovo meccanismo, che prevede il pagamento del pedaggio in base all’utilizzo reale dell’infrastruttura".

"Il sistema “free flow” garantisce vantaggi in termini di comodità e sicurezza per gli utenti e benefici all’ambiente - hanno aggiunto -, ma richiede da parte degli automobilisti un po’ di tempo per prendere familiarità con le nuove abitudini".

"Per questo - hanno concluso Cirio e Gabusi - la Regione, insieme ai Comuni del territorio, ha lavorato con la società Asti-Cuneo per ottenere un periodo di rodaggio di sei mesi durante i quali gli utenti inizieranno a conoscere il nuovo sistema e la società potrà lanciare una campagna di informazione sui nuovi metodi di pagamento".

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium