/ Solidarietà

Solidarietà | 28 febbraio 2024, 09:20

Adozione e affido: l’associazione Famiglie per l’Accoglienza si presenta ad Asti

L'appuntamento è fissato per sabato pomeriggio, alle 16, presso l'Aula magna del Polo Universitario di Asti

La locandina del convegno in programma sabato

La locandina del convegno in programma sabato

Sabato 2 marzo, alle ore 16, nell’aula Magna (1° piano) del Polo Universitario Rita Levi Montalcini, piazzale Fabrizio De André ad Asti, si terrà un incontro aperto a tutti, organizzato dall’associazione “Famiglie per l’Accoglienza”, per sensibilizzare le famiglie e i cittadini sui temi dell’adozione e dell’affido.

L’associazione, nata a Milano nel 1982, è una realtà di promozione sociale che conta 2.800 soci in Italia e sedi in diversi paesi del mondo. La sua mission è quella di formare e accompagnare le famiglie che accolgono bambini, adolescenti o adulti in difficoltà, sia in adozione che in affido, offrendo loro sostegno, consulenza e opportunità di confronto e di crescita.

All’incontro saranno presenti Alda Maria Vanoni, cofondatrice dell’associazione e primo presidente della medesima, Luca Sommacal, attuale presidente nazionale delle Famiglie per l’Accoglienza, e i coniugi Stefano Serena ed Elena Gamba, famiglia adottiva e accogliente residente ad Asti.

Il convegno sarà l’occasione per presentare pubblicamente l’associazione alle famiglie astigiane, tramite un dialogo sul libro “Il Miracolo dell’ospitalità” che ne descrive gli inizi, e per promuovere, anche sul nostro territorio, una rete di famiglie interessate al tema dell’adozione e dell’affido, che possano accompagnarsi e supportarsi nella vita quotidiana.

L’associazione Famiglie per l’Accoglienza nasce dall’esperienza di alcune coppie che, negli anni Ottanta, decidono di aprire le loro case e i loro cuori a bambini abbandonati o in situazioni di disagio, provenienti da diverse parti del mondo.

Da allora, le famiglie dell’associazione hanno accolto oltre 1.000 minori in adozione e più di 1.500 in affido, offrendo loro un ambiente familiare, affettivo e educativo. Inoltre, hanno supportato oltre 70 famiglie con figli disabili, offrendo assistenza e solidarietà.

In Piemonte l’associazione è attiva principalmente a Torino, ma con alcune coppie già presenti a Cuneo, Alessandria ed Asti. L’obiettivo è quello di creare una rete capillare di famiglie sul territorio, che possano essere un punto di riferimento per chi vuole intraprendere il cammino dell’accoglienza o per chi ha bisogno di aiuto.

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium