/ Cultura e tempo libero

Cultura e tempo libero | 22 marzo 2024, 17:23

L’arte come ponte di umanità: “Fine pena ora” illumina di speranza il carcere di Asti

Lo spettacolo, diretto da Simone Schinocca, ha messo in scena oltre tre decenni di corrispondenza tra un ergastolano e il suo giudice

Un'immagine di scena di "Fine pena ora"

Un'immagine di scena di "Fine pena ora"

Mercoledì, un’iniziativa straordinaria ha toccato il cuore della nostra città, quando l’istituto penitenziario di Asti ha ospitato la rappresentazione teatrale “Fine pena ora”, un progetto di riabilitazione attraverso l’arte che ha coinvolto detenuti e studenti in un dialogo di profonda umanità.

L’evento è stato reso possibile grazie all’impegno dell’Associazione Effatà, nota per il suo lavoro nel volontariato carcerario. La rappresentazione, diretta dal regista Simone Schinocca di Tedacà, ha messo in scena la corrispondenza di oltre tre decenni tra un ergastolano e il suo giudice, basata sul testo di Elvio Fassone, magistrato ed ex membro del Consiglio Superiore della Magistratura.

Sul palco, gli attori Salvatore D’Onofrio, Giuseppe Nitti e Costanza Maria Frola hanno dato vita a una storia commovente, esplorando i limiti e le contraddizioni del sistema penale e il desiderio universale di redenzione.

La performance ha suscitato emozioni intense tra i presenti, inclusi i detenuti e trenta studenti del liceo “Monti”, coinvolti in un progetto congiunto di scrittura. Il finale dello spettacolo è stato accolto con un caloroso applauso e un gesto di riconoscimento da parte dei detenuti, testimoniando l’impatto dell’arte sulla vita delle persone.

Un rappresentante di Effatà ha espresso gratitudine per il supporto ricevuto e ha sottolineato il significato profondo dell’evento: “Giornate come queste donano grande senso al nostro lavoro. È stata un’esperienza indimenticabile che ha toccato i cuori di tutti i presenti.”

Le riflessioni emerse e l’emozione palpabile dimostrano l’importanza di iniziative come questa, che evidenziano il potere dell’arte di unire e ispirare, anche dietro le sbarre. “Fine Pena Ora” va oltre la semplice rappresentazione teatrale, diventando un simbolo di riconciliazione e speranza, e ci invita a riflettere sul ruolo dell’arte nella società e sulla sua capacità di promuovere il recupero e la riabilitazione umana.

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium