/ Agricoltura

Agricoltura | 08 aprile 2024, 10:30

In diecimila al Brennero per fermare il "Fake in Italy" con Coldiretti: "Un milione di firme per dire basta ai cibi importati camuffati come italiani"

Nutrita la rappresentanza di agricoltori astigiani. E’ possibile sostenere la campagna negli uffici Coldiretti e nei mercati contadini di tutt’Italia

Parte dal Brennero la grande mobilitazione della Coldiretti per una proposta di legge europea di iniziativa popolare per chiedere trasparenza su quanto portiamo in tavola.

Proposta sostenuta da diecimila agricoltori, tra i quali una nutrita delegazione astigiana guidata dal presidente Coldiretti Asti Monica Monticone e dal direttore Giovanni Rosso che, da questa mattina, hanno raggiunto la frontiera, al seguito del presidente nazionale Ettore Prandini e che, grazie alle operazioni delle forze dell’ordine, verificheranno il contenuto di tir, camion frigo e autobotti.

“Dinanzi all’invasione di prodotti stranieri, che mettono a rischio la salute dei cittadini e il futuro dell’agroalimentare tricolore, Coldiretti chiede maggiori controlli per bloccare le truffe a tavola. Basti pensare ai recenti casi di patate straniere vendute come italiane o ai falsi carciofi brindisini di provenienza africana, piuttosto che all’olio di semi venduto ai ristoranti romani come extravergine. I valichi e i porti” denuncia Coldiretti “non possono continuare ad essere un colabrodo da cui passa di tutto”.

“E’ necessario - rimarcano - anche lo stop all'importazione di cibo trattato con sostanze e metodi vietati in Europa, come il grano canadese, fatto seccare in preraccolta col glifosato, affermando il rispetto del principio di reciprocità. Gli obblighi che vengono imposti ai produttori italiani devono valere anche per chi vuole vendere nel mercato europeo”.

La mobilitazione della Coldiretti rappresenta altresì una risposta all’attacco arrivato dalla Corte dei Conti Ue, nell’Audit concluso lo scorso dicembre, in merito ai Decreti italiani sull’etichettatura d’origine, per pasta, riso, derivati del pomodoro, latte e formaggi e salumi, considerate ostacoli al libero commercio, nonostante l’elevato e legittimo interesse dei consumatori a conoscere l’origine della materia prima di quanto mette nel piatto.

A pesare, poi, è anche l’esclusione dalla Direttiva Breakfast di prevedere l’obbligo dell’indicazione di origine per succhi di frutta e marmellate, inizialmente inserito e poi bocciato in fase di Trilogo tra Commissione, Consiglio e Parlamento Ue.

Il Brennero è un luogo fortemente simbolico per il passaggio dei falsi prodotti made in Italy, che invadono il nostro mercato, ed è da qui che rilanciamo la nostra battaglia sulla trasparenza dell'origine in etichetta, che è un diritto dei cittadini europei” affermano Monticone e Rosso riprendendo le parole di Prandini. “Questi temi dovranno essere tra le priorità della nuova Commissione Ue e del nuovo Parlamento, subito dopo le elezioni europee”.

E’ possibile sostenere la campagna in questione recandosi negli Uffici Coldiretti e nei Mercati Contadini di tutt’Italia, Asti inclusa, sottoscrivendo il documento. La campagna è anche promossa sui social media con l’hashtag #nofakeinitaly.

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium