/ Il Punto di Beppe Gandolfo

Il Punto di Beppe Gandolfo | 22 aprile 2024, 07:00

Abbiamo i vini migliori, ma lo sappiamo?

"A dirlo è un'indagine di Nomisma Wine Monitor nell'ambito dell'Osservatorio sulla competitività delle regioni del vino. L’ indagine è stata presentata a Vinitaly di Verona dove gli stand piemontesi hanno riscosso uno straordinario successo".

Abbiamo i vini migliori, ma lo sappiamo?

Quale regione ha i vini migliori d’Italia? Non il Veneto, non la Toscana, non la Sicilia, bensì il Piemonte. A dirlo è un'indagine di Nomisma Wine Monitor nell'ambito dell'Osservatorio sulla competitività delle regioni del vino. L’ indagine è stata presentata a Vinitaly di Verona dove gli stand piemontesi hanno riscosso uno straordinario successo.

Nascono, perciò, nel nostro territorio i vini di maggiore qualità, in particolare i rossi. Toscana e Veneto sono al secondo e terzo posto.

La ricerca mette in evidenza le ragioni per cui gli Italiani collocano al primo posto il Piemonte, e cioè territorio, storia, tradizione, robustezza e qualità. Bevendo un calice di Barolo o di Barbera i consumatori arrivano alla conclusione che si tratta di vini maturi, mentre se assaggiano un bianco, sempre di questo territorio, apprezzano la freschezza, i profumi, l’ eleganza e la gaiezza. Sempre la Barbera è percepita come perfetta per un consumo quotidiano o a una cena di lavoro, mentre il Barolo è visto come uno status symbol per un regalo o per un'occasione importante.

Siamo consci della supremazia nazionale dei nostri vini?

Sicuramente alcuni territori sì, altri – pur restando sempre in Piemonte – un po’ meno. Eppure, negli ultimi cinque anni, l'export piemontese è cresciuto del 19%, arrivando a raggiungere 1,2 miliardi di euro con una costante per i rossi e un vero e proprio exploit per l'Asti spumante che è cresciuto – da solo - del 17%. Stati Uniti, Germania, Regno Unito e Svezia sono i Paesi di riferimento, ma ci sono nuovi mercati che si affacciano a partire da Australia, Corea del Sud e Perù.

Siamo i primi. Siamo i migliori. Proviamo anche ad esserne orgogliosi. A vantarcene al bar, in casa, al supermercato, ovunque. Ordiniamo un  Alta Langa o un Gavi, anziché il solito Prosecco. Pasteggiamo con un Nebbiolo o un Dolcetto anziché con Nero d’ Avola o Chianti.

Beppe Gandolfo

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium