/ Cultura e tempo libero

Cultura e tempo libero | 21 maggio 2024, 08:18

Ad Asti Teatro arriva un workshop di "cucito sentimentale "

Appuntamento Spazio Kor sabato 8 giugno dalle 14 alle 18 e domenica 9 giugno dalle 10 alle 18

Piercarlo Grimaldi

Piercarlo Grimaldi

"Un’esperienza collettiva in cui unire manualità ed estro creativo, intuizioni ed emozioni, provando a diventare al contempo sarti di sentimenti e scenografi " Tutto questo sarà possibile nel seminario “Ricucire il firmamento”, un workshop di cucito sentimentale di casa degli alfieri che si terrà nel foyer dello Spazio Kor sabato 8 giugno dalle 14 alle 18 e domenica 9 giugno dalle 10 alle 18.

Realizzato nell’ambito del Festival Asti Teatro, è ispirato dalla figura di Teresa, la protagonista del racconto di Antonio Catalano “Teresa. La sarta che voleva ricucire il firmamento” da cui è tratto il monologo che debutterà al Festival il 26 e 27 giugno, portato in scena da Patrizia Camatel, che parteciperà anche al seminario.

A condurre il workshop, Barbara Mugnai, docente del Design della Moda presso il Politecnico di Milano, che spiega: “Il cucito è molto più di un insieme di tecniche e gesti meccanici finalizzati alla produzione di un manufatto. E’ un linguaggio espressivo e silenzioso, un’esperienza intima e profonda in cui ogni punto diventa un atto di consapevolezza. È una forma antica del prendersi cura: il gesto delle mani che cuciono, nella sua ripetizione regolare e rituale, ci permette di connetterci con il momento presente, di ascoltare la nostra intimità e di affidarci all’intelligenza delle mani”.

Durante la due giorni, si esploreranno tecniche di manipolazione, rammendo e assemblaggio, per creare, riparare e trasformare tessuti dando vita a un’opera d’arte collettiva, che farà parte permanentemente dello spettacolo come elemento scenico.

Per fare ciò, cucendo, si indagheranno le connessioni significative tra la mente, il cuore e le mani in un ambiente accogliente, inclusivo e comunitario nel quale dare nuova forma alle emozioni.

Non è richiesta nessuna esperienza di cucito – aggiunge Mugnai – tutti potranno partecipare. Anzi, pensiamo che sia proprio questo il valore aggiunto: l’inclusione, lo scambio intergenerazionale e interculturale… il fatto che ciascuno dei partecipanti possa regalare il proprio sguardo e vissuto per… allargare un po’ il firmamento”.

Il workshop sarà introdotto dal sarto Piercarlo Grimaldi, antropologo che ci parlerà delle sue memorie di sartoria, di fili e di parole e parteciperà al percorso. Commenta: “Oggi dopo la parentesi accademica sono ritornato a fare idealmente il sarto, perché cerco di pensare e darmi da fare come un sarto. Nel senso che scopro vieppiù che il mio giovanile lavoro non è stato tempo perduto. Ho capito che il mio maestro padre sarto è stato importante, più di quelli che ho incontrato in università. Il sarto è antropologicamente partecipe del farsi dei riti di passaggio mentre l’antropologo è l’osservatore e l’analista critico del farsi dell’evolutiva cultura dell’umanità.”

Tutto il materiale necessario verrà fornito dall’organizzazione.

Il costo per la partecipazione è di 25 euro comprensivo del materiale.

La prenotazione è obbligatoria.

Per info e prenotazioni: 328.706.90.85 (telefonare in orario pomeridiano) o info@archivioteatralita.it

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium