/ Cultura

Cultura | 10 novembre 2019, 07:09

Vinchio propone una ricchissima domenica alla scoperta del paese e dei suoi più illustri “figli”

L’iniziativa, promossa dal Festival del Paesaggio, spazierà dai racconti popolari al jazz di Felice Reggio

Vinchio propone una ricchissima domenica alla scoperta del paese e dei suoi più illustri “figli”

Oggi, domenica 10 novembre, il Festival del Paesaggio porterà racconti, testimonianze e musica a Vinchio.

L’avvio dell’intensa giornata è in programma alle 15, con la visita guidata al Museo di Davide Lajolo “Vinchio è il mio nido”. Alle 15,30 alla Confraternita della Trinità, piazza S. Marco, il giornalista Beppe Rovera dialogherà con Roberto Cerrato, direttore del sito Unesco Paesaggi Vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato, sul tema delle attività e progetti realizzati nei 5 anni trascorsi dall’iscrizione alla Word Heritage List dell’UNESCO e lo sguardo rivolto al futuro.

A seguire un’immersione nei ricordi: Secondo Giolito, Rita Laiolo, Luciana Varallo ricorderanno episodi della vita di Vinchio di cinquant’anni fa. Mentre Domenico Bussi, Martina Costa e Monica Mana, attrici della Casa Teatro 3 – Arcoscenico leggeranno brani di storie di vinchiesi protagonisti dei racconti di Davide Lajolo e brandelli di memorie raccolte dal prof. Franco Laiolo, con la proiezione di foto d’epoca raccolte da Liliano Boero. Mentre il giovane Giulio Ghignone si esibirà in “Amemanera”.

Chiusura a ritmo di jazz con il concerto ad ingresso libero del musicista e compositore Felice Reggio, nato e residente a Vinchio. Il quale racconterà la sua vita e la sua carriera che l’ha portato da Vinchio a New York. L’esordio e i maestri: Harry James, un virtuoso del periodo swing, Chet Baker, Gianni Basso.

Nella sala consiliare del Municipio si potranno ammirare le preziose mappe del Catasto napoleonico di Vinchio del 1802 e il ricco archivio di vecchie fotografie delle famiglie di Vinchio. Gli allievi della scuola media di Mombercelli esporranno le terracotte sul tema della cerca dei tartufi. In conclusione un brindisi offerto dalla Cantina di Vinchio-Vaglio Serra e le torte della Proloco.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium