/ Cultura e tempo libero

Cultura e tempo libero | 25 febbraio 2020, 10:34

Coronavirus, anche Expocasa modifica i suoi piani: l'evento all'Oval slitta a fine marzo

Le nuove date, anche alla luce dell'ordinanza della Regione e del Ministero per la Salute, sono fissate dal 28 marzo al 5 aprile

Coronavirus, anche Expocasa modifica i suoi piani: l'evento all'Oval slitta a fine marzo

Da sabato 28 marzo a domenica 5 aprile. Era nell'aria, ma adesso è ufficiale: anche Expocasa (uno dei maggiori eventi fieristici torinesi, insieme al Salone del Libro) rimane "vittima" del Coronavirus e soprattutto dell'ordinanza che Regione e Ministero della Salute hanno emesso nei giorni scorsi, con lo stop agli eventi fino (almeno) al 29 febbraio. Proprio il giorno in cui Expocasa 2020 avrebbe dovuto aprire i battenti, all'Oval Lingotto.

L'evento, dunque, che nella passata edizione aveva richiamato oltre 40mila persone e oltre 300 espositori, sposta le date sul calendario e si riposiziona - nella speranza che nel frattempo la situazione torni alla normalità - dal 28 marzo al 5 aprile. 

"Sono venuti a mancare i presupposti necessari all’apertura al pubblico di Expocasa 2020 nelle date previste - si legge in una nota ufficiale -. Condividendo la comune consapevolezza di come ogni soggetto coinvolto dal salone abbia già assunto impegni e intrapreso attività, perlopiù in stadio avanzato di esecuzione, per il successo della manifestazione: la decisione assunta da GL events Italia, confortata anche dall’attenzione e dal pieno sostegno riscontrati nelle istituzioni e nel sistema economico locale, è pertanto quella di un rinvio di alcune settimane". 

Dunque si scivola di un mese, "nel pieno rispetto del suo storico e consolidato format, garantendo continuità al rapporto che da oltre 50 anni intrattiene con l’affezionato pubblico torinese, a cui vogliamo pensare di poter finalmente offrire un momento di “ritorno alla normalità” a superamento delle attuali preoccupazioni".
 

E un gruppo di lavoro è già operativo per il "coordinamento di questa emergenza".

Massimiliano Sciullo

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium