/ Cronaca

Cronaca | 08 aprile 2019, 09:17

Immigrato albanese in manette per spaccio di cocaina

L'uomo arrestato, un 47enne residente in un condominio nei pressi di piazza Marconi, è stato bloccato in flagranza di reato da personale della Squadra Mobile

Foto d'archivio, non riferita allo specifico episodio

Foto d'archivio, non riferita allo specifico episodio

Nel corso di una serie di attività di controllo attuate a seguito di numerose segnalazioni in merito alla presenza di tossicodipendenti nei pressi di un appartamento a ridosso della stazione ferroviaria, agenti della Sezione Antidroga della Squadra Mobile della Questura hanno appurato le responsabilità di un 47enne albanese, con precedenti di polizia, residente per l’appunto in un condominio di piazza Marconi.

Nel corso di un primo appostamento, gli agenti hanno appurato la cessione di alcune dosi di cocaina a due tossicodipendenti che, dopo averle ottenute, si sono rapidamente allontanati dal palazzo. Qualche giorno dopo un ulteriore servizio di appostamento ha permesso di appurare altre cinque cessioni di cocaina. Tutti i “clienti” dopo essersi avvicinati al condominio, ne sono riusciti rapidamente poco dopo con le dosi appena acquistate.

Infine, nell’ambito di un terzo e ultimo servizio di appostamento, i poliziotti hanno fermato i due tossicodipendenti che, dopo aver citofonato e incontrato l’albanese sul pianerottolo, hanno effettuato gli acquisti i droga. La perquisizione effettuata sui due ha altresì consentito di recuperare alcune dosi, nascoste rispettivamente nelle scarpe e nel giubbotto.

Di conseguenza, gli investigatori della Mobile hanno proceduto alla perquisizione dell’appartamento, presso il quale hanno rinvenuto materiale per la pesatura, il taglio e il confezionamento della cocaina, nonché 850 euro in contanti, ritenuti provento dell’attività di spaccio.

Pertanto l’immigrato è stato arrestato in flagranza per il reato di spaccio di sostanza stupefacente, arresto convalidato dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Asti, che ne ha disposto la custodia cautelare in carcere.

Gabriele Massaro

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium