/ Cronaca

Cronaca | 15 maggio 2020, 10:13

Anche Asti piange Ezio Bosso, il pianista magico atteso ad AstiMusica ma mai arrivato

L'artista doveva esibirsi in piazza Cattedrale l'8 luglio 2016, ma per motivi di salute la data venne annullata. Il recupero fu fissato il 7 settembre all'Alfieri, ma la salute non glielo permise. "È il corpo che decide", aveva detto

Anche Asti piange Ezio Bosso, il pianista magico atteso ad AstiMusica ma mai arrivato

 

Si è spento a Bologna all'età di 48 anni Ezio Bosso, il pianista torinese che aveva insegnato al mondo l'arte dell'andare oltre le emozioni attraverso il potere della musica.

Pianista, compositore e direttore di orchestra, Bosso era atteso ad Asti l'8 luglio 2016, nell'ambito del festival AstiMusica. Una data attesissima dagli astigiani, che lo aspettavano in piazza Cattedrale, annullata all'improvviso in seguito a problemi di salute dell'artista.

È il corpo che decide ed è meglio non farlo arrabbiare

"Mi dispiace tanto, per tutti noi, per me stesso per primo, dover cancellare o spostare un'occasione di musica, mi dà tanta tristezza non poter fare tutto, ma bisogna accettare che ‘il tutto' è un concetto relativo e, per quanto io lo voglia, è il corpo che decide. Ed è meglio non farlo arrabbiare! Sono felice che riusciamo a recuperare il concerto il 7 settembre, perché invece non è relativo mettercela tutta. E sapete che lo metto in ogni nota quel tutto. Così come in ogni giorno", aveva dichiarato in quell'occasione.

Il recupero del concerto fu fissato il 7 settembre 2016 al Teatro Alfieri, ma, purtroppo, anche quella data fu cancellata.

La convivenza con una malattia neurodegenerativa

Ezio Bosso conviveva dal 2011 con una grave malattia neurodegenerativa, che gli fu diagnostica subito dopo un intervento chirurgico per un tumore al cervello, a cui fu sottoposto lo stesso anno.

Una malattia che, negli ultimi tempi, lo aveva privato anche della possibilità di suonare, senza togliergli, però, quella pazza voglia di vivere e quel suo genio che lo hanno da sempre avvicinato al cuore di tutti.

"The 12th Romm" e il sostegno di Fab Asti

L'artista conservava un legame importante con Asti. L'album "The 12th Room", pubblicato da Egea Music nel 2015, era stato sostenuto con gioia anche da Fab (Fondo Assistenza e Benessere) di Asti. 

Anche Asti saluta il pianista magico, che purtroppo non ha mai avuto l'onore di conoscere, ma che ha sempre guardato da lontano con grande ammirazione. 

Elisabetta Testa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium