/ Agricoltura

Agricoltura | 10 settembre 2020, 19:00

Comparto vitivinicolo, Mobrici: "Dal Consorzio Barbera numeri positivi, ma manteniamo sguardo vigile"

Il presidente del Consorzio si unisce alle preoccupazioni che interessano il comparto relative alla crisi pandemica, ma "guarda avanti con coraggio, ottimismo e speranza"

Comparto vitivinicolo, Mobrici: "Dal Consorzio Barbera numeri positivi, ma manteniamo sguardo vigile"

Riceviamo e pubblichiamo una nota del presidente del Consorzio Barbera d'Asti e Vini del Monferrato, Filippo Mobrici, sullo stato attuale del comparto vitivinicolo.

Condividiamo le preoccupazioni che da qualche giorno agitano il mondo del vino. Le criticità del settore legate alla crisi pandemica, come le implicazioni di questi mesi sul tessuto produttivo e commerciale, ci impongono certamente di procedere con attenzione nel lavoro in vigna, in cantina e sui mercati, per essere preparati al futuro.

Il Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato che ho l’onore di presiedere, e che tutela il 30% della superficie vitata a denominazione di origine del Piemonte – una delle regioni italiane a maggiore vocazione vinicola – monitora con attenzione quotidiana la condizione dei viticoltori e del panorama enoico che rappresenta, sentendosi pertanto in dovere di registrare e comunicare lo stato delle cose. Il Consorzio, infatti, tutela e promuove 13 denominazioni, pari a 66 milioni di bottiglie, con una quota export pari al 50% della produzione complessiva.

Precisiamo dunque alcuni numeri. I dati di imbottigliamento aggiornati al 31 agosto 2020 registrano 45.433.625 bottiglie, con un incremento del 1,22% sul 2019. Per quanto riguarda le giacenze (vino sfuso atto a divenire D.O.), il numero è pari a 476.148 ettolitri, un totale sostanzialmente identico a quello del 2019 rilevato nello stesso periodo. Insomma, non si riscontrano incrementi che avrebbero portato a una preoccupante eccedenza di prodotto in cantina.

D’altro canto la Regione Piemonte ha messo in atto una distillazione di crisi, le cui domande sono appena state presentate, che porterà alla distruzione di 45.000 hl nei prossimi giorni. Un dato che dimostra un’imminente abbassamento ulteriore delle giacenze e ricordiamo come siano state escluse dalla distillazione la Barbera d’Asti Docg e altre denominazioni di vertice.

Nel contempo, per quanto concerne le misure governative a proposito della riduzione di resa selettiva, e dunque il diradamento delle vigne che avrebbe consentito di abbattere il 15% della produzione per fronteggiare il problema delle giacenze, la percentuale piemontese di aziende che hanno pensato di ricorrervi è pari al 3%, segno di un contenimento avvertito come non necessario.

Sebbene, per quanto ci riguarda, i numeri rivelino uno scenario che potremmo considerare positivo, il Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato intende naturalmente mantenere uno sguardo vigile sulle evoluzioni che coinvolgono e coinvolgeranno il mondo vinicolo. Ci uniamo alle preoccupazioni che interessano il nostro comparto e alle valutazioni sulle strategie di mercato che sarà necessario impiegare, ma guardiamo avanti con coraggio, ottimismo e speranza, senza cedere allo scoramento del difficile periodo che ha coinvolto tutti.

Confidando profondamente nella professionalità dei produttori, nelle potenzialità del comparto e nella maturità di tutta la filiera, esprimiamo a tutti gli attori del settore il nostro più sentito augurio di buon lavoro e buona vendemmia.

Filippo Mobrici

Al direttore

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium