/ Sanità

Sanità | 24 novembre 2020, 14:18

Vaccino antinfluenzale, Federfarma Piemonte rinuncia alla sua quota

Il presidente Cossolo: "Vista la carenza, la lasciamo per le fasce fragili, ma la domanda da porsi è perché siano state consegnate 900mila dosi a fronte delle 1,3 milioni acquistate"

Vaccino antinfluenzale, Federfarma Piemonte rinuncia alla sua quota

Federfarma Piemonte ha deciso di rinunciare alla sua quota di vaccini anti-influenzali da vendere in farmacia privatamente alle fasce attive della popolazione per lasciarle disponibili alle fasce più fragili che ne hanno diritto gratuitamente (come anziani, malati, cronici, donne incinte), visto che ancora non è arrivata una buona parte delle dosi che la Regione aveva acquistato tramite gara.

A confermarlo all'Ansa è stato Marco Cossolo, presidente di Federfarma nazionale e presidente di Federfarma Torino. "Per spirito di responsabilità - ha spiegato - abbiamo deciso di rinunciare alla quota che ci spetterebbe visto che mancano i vaccini per le fasce più fragili della popolazione. La domanda da farsi e perché sono state consegnate solo 900 mila dosi a fronte di 1,3 milioni acquistate con la gara è una cosa su cui riflettere per il futuro".

Proprio qualche giorno fa il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio aveva annunciato che la Regione era pronta a rivalersi nei confronti dell'azienda che ha vinto la gara per la fornitura e il vaccino antinfluenzale, la Sanofi, per i ritardi nelle consegne.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium