/ Cronaca

Cronaca | 19 gennaio 2021, 14:58

Villanova d’Asti: denunciato dalla Polizia Municipale per maltrattamento ed uccisione di animali

L’uomo, in procinto di trasferirsi in un’altra abitazione, avrebbe fortemente sedato i suoi cani provocando la morte di uno dei due e un grave malessere nell’altro

Cane con occhi tristi

Immagine d'archivo

Un cane morto ed un secondo animale agonizzante che, grazie alle cure dei volontari dell’Enpa di Chieri (TO) e di uno studio veterinario presso cui è stato portato, sta lentamente recuperando.

E’ l’inquietante situazione rilevata, nello scorso fine settimana, dagli agenti della Polizia Municipale di Villanova d’Asti, recatisi per una verifica della situazione presso l’abitazione di un uomo di circa 60 anni il quale, il giorno prima, li aveva chiamati chiedendo loro di portare al canile i suoi due cani, poiché lui doveva trasferirsi e non poteva portarli con sé. Iter non attuabile, poiché la norma prevede che vengano portati al canile solo i cani in stato di abbandono.

L’anomala richiesta non è sfuggita al comandante Eusebio Gamba, che il giorno seguente ha appunto inviato una pattuglia per appurare la situazione, portando alla macabra scoperta e al rinvenimento di un flaconcino di tranquillante per animali. Il proprietario, F.F., in un primo momento avrebbe minimizzato l’accaduto, arrivando ad affermare di non essersi accorto della morte del meticcio, salvo poi ‘giustificarla’ ipotizzando che l’animale fosse stato avvelenato da terzi.

“Per quanto riguarda l’altro cane – ci ha spiegato il comandante Gamba – ha semplicemente preso atto del malessere, che peraltro mentre eravamo lì si è acutizzato. Ora l’animale, un rottweiler, sta meglio ed è stato affidato all’Enpa di Chieri (TO) in stato di sequestro giudiziario in quanto fonte di prova nel procedimento”

Non ci siamo trovati in un contesto particolarmente disagiato o di fronte ad animali che presentavano segni di maltrattamenti – ha aggiunto Gamba –, l’unica palese anomalia era la condizione dei due cani”. Al vaglio della Municipale anche se la condotta dell’uomo sia ascrivibile a dolo (ovvero avesse effettivamente intenzione di uccidere i due cani) o colpa (ossia se, intenzionato a sedarli per poi portarli via, abbia sbagliato i dosaggi provocando il decesso di un cane e il forte malessere dell’altro)

“Spetterà ai medici dell’Istituto Profilattico di Torino, una volta effettuato l’esame autoptico che verrà disposto dalla Procura, fornirci elementi utili per definire meglio quanto effettivamente accaduto. Allo stato attuale lo abbiamo denunciato per maltrattamenti e uccisione di animale”, ha concluso Gamba.

“Noi, con la collaborazione dell’Enpa, avremmo potuto cercare di favorire il trasferimento dei cani in un altro contesto, non certo abbandonarli o anche peggio – ha commentato Christian Giordano, sindaco di Villanova d’Asti –Spetterà però alla giustizia fare il suo corso e, se giudicato colpevole, spero gli venga inflitta la pena più dura possibile. Se ci verrà permesso, come Comune ci costituiremo parte civile. ”.

Gabriele Massaro

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium