/ Cronaca

Cronaca | 20 gennaio 2021, 20:05

Anche la Lega Nazionale per la Difesa del Cane denuncia l'uomo accusato di maltrattamenti e uccisione di animale a Villanova

Dura presa di posizione della presidente Piera Rosati: "Questi individui sono pericolosi per la comunità che frequentano. Chiediamo pene più severe per chi commette atti di violenza contro gli animali”

Immagine ge

Immagine ge

F.F., di Villanova d'Asti è stato denunciato dalla Polizia Municipale per maltrattamenti e uccisione di animale.

L'uomo, di circa 60 anni, nei giorni scorsi si era rivolto alla Polizia Municipale chiedendo che il Comune portasse al canile i suoi due cani, in quanto a breve si sarebbe dovuto trasferire, senza avere la possibilità di tenerli.

La Polizia Municipale, però, non convinta della situazione, il giorno seguente si era recata presso l'abitazione dell'uomo, ritrovando un cane morto e l'altro agonizzante. Rinvenuto anche un flacone di sedativi completamente vuoto, che è stato sequestrato.

Il cane sopravvissuto, un rottweiler, è stato affidato alle cure dei volontari dell'Enpa di Chieri e a quelle di uno studio veterinario. 

La questione ha indignato l'intera cittadinanza e anche la Lega Nazionale per la Difesa del Cane ha deciso di prendere posizione, unendosi alla denuncia e seguendo il caso più da vicino. 

Questo è l’ennesimo caso di attività criminali che hanno per vittime degli animali. Serve fare giustizia perché tutelare degli esseri senzienti significa avere a cuore anche la sicurezza pubblica”, commenta la presidente, Piera Rosati. “Questi individui sono pericolosi per la comunità che frequentano. Numerose ricerche dimostrano, infatti, che chi è violento con gli animali lo è anche con gli umani. Perché non porta alcun rispetto per nessuna forma di vita. Anche per questo motivo rilanciamo la nostra petizione per chiedere pene più severe per chi commette atti di violenza contro gli animali”.

Sarà la Polizia Municipale a dover ricostruire la vicenda e capire se l'uomo abbia effettivamente somministrato agli animali tranquillanti per liberarsene o se sia stato tutto frutto di un errore nel quantitativo. 

Elisabetta Testa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium