/ Attualità

Attualità | 22 gennaio 2021, 16:23

Costigliole d'Asti, cittadinanza onoraria a Luigi Ferro nella Giornata della Memoria [FOTO]

Il conferimento avverrà durante una cerimonia online, alla quale sarà possibile partecipare su prenotazione

Luigi Ferro a Costigliole, nel giorno del suo 90° compleanno

Luigi Ferro

A Costigliole d'Asti, nella Giornata della Memoria, sarà concessa la cittadinanza onoraria a Luigi Ferro, classe 1927, già insignito nel 2010 con la medaglia d'onore conferita dal presidente del Consiglio dei Ministri, per i cittadini italiani deportati e internati nei lager nazisti.

"Al di là di ogni appartenenza politica, bandiere e colori di casacca, spiega il sindaco Enrico Cavallero, esistono argomenti sui quali la nostra comunità , quella costigliolese ha il dovere di essere unita per questi motivi".

L’Amministrazione Comunale di Costigliole, aveva già contattato Ferro e familiari a inizio mandato informandoli della volontà di volerle riconoscere la cittadinanza onoraria affinchè il suo nome figuri per sempre nel registro dei cittadini illustri Costigliolesi.

"Riteniamo infatti che concedere la cittadinanza onoraria a Luigi Ferro possa essere un segno di riconoscimento nei suoi confronti ma anche di tutti coloro che, come lui , hanno vissuto , sofferto in un periodo storico drammatico . Per questo motivo aupichiamo che questo riconoscimento volutamente consegnato nella giornata della memoria serva a far riflettere su quello che sono stati i valori della resistenza parte integrante e indelebile della storia di Costigliole".

La storia

A Costigliole, nel corso del rastrellamento, che coinvolse un’area di circa 4.000 km quadrati, tra il Tanaro, l’Albese,l’Acquese e l’Appennino savonese, e quindi comuni e località delle province di Asti, Alessandria, Cuneo e Savona, morirono in combattimento 37 partigiani.

Secondo le fonti tedesche, sono 361 quelli catturati, per lo più deportati nei Lager, molti dei quali non fecero più ritorno. Ad essi si aggiungono altri 972 arrestati tra civili, renitenti e sbandati tradotti al Servizio di sicurezza tedesco di Torino per essere avviati al lavoro coatto in Germania, ai deportati nei campi di concentramento che hanno caratterizzato la storia: dai gulag russi a quelli nazisti, serbi, ai lager, esempi mostruosi dell'annullamento dell'umanità dell'individuo.

La cittadinanza onoraria

Il provvedimento è stato adottato dalla giunta comunale riunitasi in data 11 gennaio e si è deliberato di concedere la cittadinanza onoraria.

"Luigi Ferro, spiega ancora Cavallero, è rimasto uno dei pochi reduci e testimoni ancora in vita in tutta la provincia di Asti per questo motivo il riconoscimento deve rendere orgogliosi tutti i cittadini della provincia a ricordo di tanti di loro che non ci sono più e che non ce l’hanno fatta".

La proposta in base al regolamento comunale , deve essere approvata in consiglio comunale, si terrà quindi una convocazione straordinaria e solenne del consiglio comunale , il giorno mercoledi 27 gennaio alle 21, giorno della Memoria in italia e in tutto il mondo , in ricordo dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico e dei deportati militari e politici italiani nei campi nazisti.

La seduta si terrà online e sarà aperta a chi vorrà partecipare, prenotandosi alla mail segreteria@costigliole.it

Betty Martinelli

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium