/ Politica

Politica | 28 gennaio 2021, 15:08

La Provincia di Asti capofila di un progetto volto a rilanciare questi Enti

"Sarà una grande occasione - ha affermato il presidente Lanfranco - per programmare il futuro e valorizzare le risorse territoriali"

Palazzo della Provincia di Asti

Il palazzo della Provincia di Asti

Le Province, enti la cui utilità è stata a lungo al centro di dibattiti politici anche accesi, puntano al rilancio attraverso un quadro di programmazione e pianificazione territoriale che vede la Provincia di Asti capofila.

Il vicepresidente e assessore alla Programmazione territoriale e paesaggistica, Fabio Carosso, ha infatti promosso un incontro con l’Ente di piazza Alfieri finalizzato ad avviare una collaborazione con la Regione, e in particolare con la Direzione Energia, Ambiente e Territorio, per sperimentare un nuovo modello di governo del territorio e accompagnare la Provincia nella fase di revisione del suo piano territoriale. L’incontro tra il vicepresidente Carosso e il presidente della Provincia di Asti, Paolo Lanfranco si è tenuto nei giorni scorsi, con la presenza delle strutture tecniche dei rispettivi enti.

“La sperimentazione che parte con la Provincia di Asti - dichiara il vicepresidente Carosso - sarà utile per guidarci nella revisione della legge urbanistica regionale a cui stiamo lavorando, fondamentale per semplificare e rendere più concreto il supporto ai Comuni per pianificare e programmare il proprio territorio. Pianificare vuol dire futuro. Intendiamo adottare un nuovo approccio che ci consenta di affrontare e superare le problematiche, per tracciare prima le linee di indirizzo e per definire poi le scelte strategiche”.

Tra i temi al centro della sperimentazione, ci saranno le strategie per il settore logistico e per migliorare l’attrattività del territorio, per spingere nuove aziende a insediarsi sul territorio e migliorare le potenzialità di quelle esistenti. Accrescere l’attrattività significa riqualificare il territorio, dando più valore al patrimonio edilizio o rilocalizzando i volumi produttivi abbandonati o dismessi in zone meglio collegate e infrastrutturale. Recuperare e riqualificare significa anche consumare meno suolo. 

Tempi stretti – conclude Carosso - per non perdere le occasioni. Per l'Astigiano, quindi, partire per primi, con un tavolo territoriale, può essere una grande opportunità di rilancio per essere pronti ad intercettare le occasioni connesse alle future risorse economiche nazionali ed europee”.

Ringraziando la Regione per l’opportunità, il presidente Lanfranco, ha ribadito:la disponibilità e l'interesse della Provincia a condividere la sperimentazione e per elaborare con la Regione delle proposte valide e condivise con il territorio per accompagnare la revisione del proprio Piano territoriale di coordinamento provinciale e rilanciare lo sviluppo. Essere la Provincia pilota sarà una grande occasione per programmare il futuro e valorizzare le risorse territoriali. Essere pronti consentirà di giocare una partita in attacco e non in difesa”.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium