/ Cultura e tempo libero

Cultura e tempo libero | 18 febbraio 2021, 09:53

Per "Un mare di libri", il gruppo di lettura della Biblioteca Astense, intervista lo psicoterapeuta Michele Cocchi

Il suo libro 'Us', tocca l'attualissimo tema degli hikikomori. L'intervista sarà trasmessa sui canali Facebook e YouTube di “Mare di Libri, il Festival dei Ragazzi che leggono”

Alla biblioteca di Asti, Gli Acchiappalibri

Gli Acchiappalibri in foto di archivio con Patrizia Micco e Marco Magnone

Ad Asti, gli Acchiappalibri, gruppo di lettura della Biblioteca, lintervistano Michele Cocchi, autore del romanzo US (Fandango Libri).

sabato 20 febbraio alle 18.30 con Alice Baratta e Carlotta Toniolo  

Il gruppo di lettura della Biblioteca Astense è dedicato a ragazzi dai 12 ai 16 anni che si ritrova (in questo periodo on line) per condividere la propria passione per la lettura, dialogherà con Michele Cocchi, psicoterapeuta dell’infanzia e adolescenza e scrittore, del suo ultimo romanzo US, dove tocca un tema per molti aspetti attuale, ovvero il fenomeno degli hikikomori, che letteralmente significa “chi si è ritirato, chi sta in disparte”.

L’intervista sarà trasmessa on line sui canali social di “Mare di Libri, il Festival dei Ragazzi che leggono”, su Facebook e You Tube, in cui ogni mese Mare di Libri ospita gruppi di lettura di tutta Italia chiamati a intervistare i loro autori preferiti.

 

US è un romanzo introspettivo e nello stesso tempo d’azione, e ha come protagonista Tommaso, un ragazzo di 16 anni che da più di un anno non esce di casa. Il suo unico appuntamento fisso è con un videogioco, US, che consiste nel rivivere in modo virtuale, da protagonisti, avvenimenti chiave della storia del 900, battaglie controverse, situazioni in cui il gioco decide di porre il giocatore di volta in volta dalla parte della vittima o dei carnefici, Ogni giorno ci sarà qualcuno da salvare e qualcuno da eliminare. La Storia però può essere feroce e non sempre è possibile comportarsi da eroi…

Michele Cocchi, nato a Pistoia nel 1979, lavora come psicoterapeuta dell’infanzia e dell’adolescenza. I suoi racconti sono apparsi su riviste e su antologie. Nel 2010 ha pubblicato la raccolta Tutto sarebbe tornato a posto (Elliot), finalista come libro dell’anno di Fahrenheit. Il suo primo romanzo è La cosa giusta (Effigi, 2016). Con La casa dei bambini (Fandango, 2017) ha vinto la XXXVII Edizione del Premio Comisso.

L’intervista si inserisce nelle molteplici iniziative di “Mare di Libri, il Festival dei ragazzi che leggono”, di Rimini, unico Festival letterario in Italia organizzato completamente dai ragazzi e attivissimo da 14 anni. L’ultima edizione si è svolta on line confermando l’alto numero di ragazzi partecipanti e la qualità degli autori intervenuti.

Maggiori dettagli su www.facebook.com/maredilibri


Comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium