/ Cronaca

Cronaca | 20 febbraio 2021, 08:08

Tragico schianto nell'Alessandrino, perde la vita l'astigiano Maurizio Bogliolo

Aveva 40 anni ed era molto conosciuto per il suo impegno all'interno del Consorzio per la Tutela della Robiola di Roccaverano. Abitava a Monastero Bormida

Tragico schianto nell'Alessandrino, perde la vita l'astigiano Maurizio Bogliolo

Un tragico incidente stradale ieri, nel tardo pomeriggio a Bistagno (Alessandria) è costato la vita a Maurizio Bogliolo, residente a Monastero Bormida. 

Aveva 40 anni. Bogliolo era molto conosciuto nell'Astigiano, soprattutto per il suo impegno all'interno del Consorzio per la Tutela della Robiola di Roccaverano.

Proprio il Consorzio ha affidato ai social il suo dolore.

"Siamo scioccati e distrutti.Ci stringiamo alla sua famiglia e a tutti quelli che gli volevano bene. Maurizio amava questa terra e questo formaggio e noi gli volevamo bene e lo stimavano. Grazie per quello che hai fatto per noi Mauri. Non doveva andare cosi.

Il tragico incidente è avvenuto sulla strada provinciale 30, alla periferia di Bistagno, tra una Fiat 500, guidata da Bogliolo, e un furgone. Non ancora chiara la dinamica. Indagano gli agenti della Polstrada.

Sul posto anche il personale del 118, ma ogni tentativo di soccorso è stato purtroppo vano.

Anche la nostra redazione si stringe al dolore della famiglia.

La nota stampa del Consorzio

Maurizio faceva parte del Consorzio di Tutela della Robiola di Roccaverano DOP, si occupava della promozione e lo faceva con amore, passione e grande serietà. Ma Maurizio era anche un artista, un musicista, e il suo animo nobile e sensibile lo si respirava in ogni suo gesto. La gentilezza che metteva in scena con chiunque gli chiedesse notizie sul formaggio era incomparabile. Lo ricordo bene durante le manifestazioni promozionali, a Torino, Verona, Asti, Bra, Aosta e nei piccoli mercati dei paesi di produzione della Robiola: la terra che tanto amava.

Maurizio era conosciuto sul territorio, aveva dato vita al Progetto Rob-In riunendo diverse tipologie di prodotti tipici locali e i loro produttori con un unico fine: promuovere terra e sapori all’unisono. Lo aveva concepito e sviluppato con cura e attenzione perché è così che lavorava, seguendo ogni momento operativo come si seguono le note scritte sul pentagramma durante uno spettacolo.

Si, amava questa terra di Piemonte al confine con la sua Liguria, al punto che aveva da qualche anno trasformato la sua bella casa d’epoca in un B&B. Lo aveva chiamato M’aMi, un termine semplice dai profondi significati. Maurizio aveva solo 40 anni, gli piaceva la compagnia delle persone semplici, il buon vino e la tavola genuina; e poi l’arte, la musica certo ma anche tutto ciò che esprimeva sentimento. Sapeva riconoscere ed apprezzare l’operato altrui.

Non ci sono parole per esprimere il dolore dei famigliari e di chi gli voleva bene, non ci sono termini per descrivere quanto stiamo vivendo: mille domande senza un perché. Gli uomini e le donne della Robiola, di quello che era diventato il suo mondo, si stringono in lacrime alla Famiglia del “nostro” Maurizio.

Maury, amico caro, ora il pettirosso “Robin” sei tu, vola e suona la tua musica agli angeli, guarda dall’alto le colline e le torri che tanto amavi; ci rivedremo un giorno e torneremo a parlare dei nostri progetti e, se puoi, dall’alto aiutaci ad essere uomini migliori…

Maurizio, questo non è un addio ma un arrivederci. Grazie di tutto da noi tutti.

Elisabetta Testa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium