/ Cronaca

Cronaca | 02 aprile 2021, 16:45

Non ci sarebbe il parkour all'origine della tragedia canellese. Il sindaco Lanzavecchia smentisce: "Ma che disagio giovanile o baby gang"

Il giovane precipitato da 5 metri mercoledì sera, è sempre in prognosi riservata. Operato, sta lentamente migliorando

Il terrazzo da cui è caduto il giovane

Il terrazzo da cui è caduto il giovane

"Ma che baby gang, quale disagio giovanile, forse una 'bischerata', finita purtroppo in tragedia". Non ci sta il sindaco di Canelli, Paolo Lanzavecchia a sentir bollare la sua cittadina come un sorta di banlieu parigina.

Il sindaco, in questi giorni a stretto contatto con la famiglia del giovane macedone precipitato dall'ex cantina 'Canei' di via Buenos Aires mercoledì sera, racconta un'altra verità.

"Non si tratta assolutamente di parkour e non è una vicenda figlia di una mancata integrazione. Canelli non è una banlieu. Il ragazzo frequenta le scuole superiori, sono cittadini italiani a tutti gli effetti e perfettamente integrati nel tessuto del territorio".

La circostanza è confermata anche dai carabinieri, le cui indagini smentiscono che i ragazzi stessero praticando il parkour.

"Sicuramente erano un piccolo assembramento - spiegano dal Comando - ma non hanno neppure violato il coprifuoco, erano le 21. I suoi sette amici sono sotto choc".

Forse volevano solo ritrovarsi e stare un po' insieme e il ragazzo magari ha voluto addentrarsi nello stabile, poi la disgrazia. Le indagini proseguono coordinate dalla Procura dei Minori.

Ora, pur essendo ancora in prognosi riservata, il giovane è stato operato e sta lentamente migliorando.

Betty Martinelli

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium