/ Cronaca

Cronaca | 06 aprile 2021, 07:00

Pandemia in carcere, "Le Regioni hanno abbandonato il sistema penitenziario?"

Il sindacato di polizia penitenziaria Osapp, interviene dopo l'allarme della Garante dei detenuti di Asti

Pandemia in carcere, "Le Regioni hanno abbandonato il sistema penitenziario?"

"Stiamo ricevendo notizie più che allarmanti su un gravissimo peggioramento dei contagi da Covid-19 nelle infrastrutture penitenziarie sull’intero territorio nazionale mentre le risposte incomplete e parziali che pervengono dal servizio sanitario nazionale ci inducono ad immaginare il peggio in una situazione già di per sé esplosiva quale quella del sistema penitenziario".

È quanto afferma in una nota il Segretario Generale dell’O.S.A.P.P. (Organizzazione Sindacale Autonoma Polizia Penitenziaria) Leo Beneduci che dichiara: “Dai dati in nostro possesso, circa il 9% della popolazione detenuta in carcere, risulta avere attenuto la prima dose delle vaccinazioni a fronte di circa il 30% del personale di Polizia Penitenziaria mentre, focolai di notevole gravità sono in questo momento in atto negli istituti penitenziari di Asti, Pesaro, Saluzzo, Roma Rebibbia, Milano Bollate, Cuneo, Melfi, Volterra, Padova, Napoli Secondigliano e Lecce e vi sono addirittura regioni quale il Lazio dove non sono state effettuate vaccinazioni né per il personale né per l’utenza penitenziaria e d’altro canto non risulta siano state sospese sul territorio quelle attività che portano da un lato al costante contatto diretto con il carcere di soggetti provenienti dall’esterno e d’altro canto ai quotidiani spostamenti di detenuti da una sede all’altra con ciò incrementando ulteriormente il rischio del diffondersi della pandemia.

I numeri astigiani

Proprio ad Asti il giorno di Pasqua, la Garante dei detenuti, Paola Ferlauto, aveva lanciato l'allarme: La situazione dei positivi sta migliorando, ma la forte carenza di personale e l’isolamento forzato in piccole celle, mi preoccupa molto. Temo l’insurrezione”.

È stato fatto il tampone a tutti i 298 detenuti e, dei 51 detenuti positivi, 44 si sono negativizzati, ma se ne sono trovati altri 25 che sono le persone che avevano rifiutato la vaccinazione.
Il medico del carcere, ha inoculato il Pzifer ai 18 detenuti che per loro patologie, non avevano potuto fare AstraZeneca, ne rimangono 13 che devono essere vaccinati in zona protetta.
La tensione è tanta, anche perché – spiega Ferlauto – sono aumentati i positivi tra gli agenti e molti sono in malattia. La forte carenza di personale mi preoccupa molto. I detenuti non possono muoversi dalle loro piccole celle e sono venute meno tutte le loro attività. La situazione è sul punto di esplodere. Temo un’insurrezione”.

Già c’erano state diverse tensioni, con detenuti che, rifiutandosi di rientrare nelle celle, avevamo dormito nei corridoi, nelle scorse settimana.

Servono iniziative urgenti

L'Osapp e il suo segretario, ribadiscono che occorrono interventi urgenti: "Se malgrado le promesse della Guardasigilli Cartabia anche durante un recente incontro con le Organizzazioni Sindacali di voler porre in essere ogni urgente iniziativa per contrastare il contagio da Covid-19 in carcere, non risulta operare alcun effettivo coordinamento tra gli enti dell’Amministrazione Penitenziaria, rispetto all’accentuarsi dei problemi di igiene e scurezza nelle carceri, risulterebbe evidente un sostanziale disinteresse da parte delle aziende sanitarie dipendenti dalle regioni che deve essere superato con la massima urgenza", conclude Beneduci.

Betty Martinelli

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium