/ Cronaca

Cronaca | 24 aprile 2021, 08:42

Operazione 'Sonacai', oro, denaro, riciclaggio e usura al centro di 2 famiglie astigiane [VIDEO]

Intercettazioni, controlli e pedinamenti hanno portato i carabinieri all'arresto di 11 persone. Sequestrata villa ad Asti in zona Praia

La villa sequestrata stamattina (MerfePhoto)

La villa sequestrata stamattina (MerfePhoto)

Dall'alba di questa mattina un elicottero sorvola la città di Asti per l'operazione “Sonacai” (parola onomatopeica che indica l’oro), che rappresenta la naturale prosecuzione delle indagini “Cops” e “Cops 1”.

Fondevano l'oro per risolidificarlo

Usura, riciclaggio, truffe ad anziani. Addirittura gli arrestati fondevano l'oro per poi risolidificarlo con lamine particolari e prestavano soldi ad imprenditori di diversi settori a tassi altissimi.

Il tenente colonnello dei carabinieri di Imperia Pierluigi Giglio, conferma che tutti gli undici arrestati, pur trovandosi in province diverse fanno capo a due famiglie astigiane responsabili, appunto, anche di furti e truffe ai danni di anziani.

L'operazione è stata coordinata dalla procura di Asti con i carabinieri di Imperia, Asti, Alessandria e Torino e l'ausilio dell'elicottero di Volpiano. Sei gli arresti in carcere e 5 ai domiciliari.

Usura ricettazione, riciclaggio, false intestazioni. Tutto a capo di due famiglie sinti astigiane

Il gruppo criminale era attivo in Piemonte ed in altre Regioni del Nord Italia, gravemente indiziati - a vario titolo - di numerosi reati di usura, ricettazione, riciclaggio e intestazione fittizia di valori.

Le operazioni Cops e Cops 1, avevano già documentatol’esistenza di un sodalizio dedito alla commissione di reati predatori ed in particolare di furti in abitazione, tentati e consumati nel 2019, nella Provincia di Imperia oltre che in varie parti del nord Italia in danno di persone sole ed anziane. 

Non solo arresti quindi - precisano ancora dal comando di Imperia - ma il sequestro di beni decisamente importante per chi ostentava oro, denaro e ricchezza.

Le due famiglie sinti di Asti al centro dell'operazione e, come già emerso nelle pregresse inchieste, gli indagati, i loro familiari e congiunti vivevano essenzialmente del provento di delitti contro il patrimonio, perpetrando negli anni furti in abitazione, truffe agli anziani, ricettazione d’oro e gioielli, riciclaggio dell’oro medesimo e, infine, usura, tutti reati gravi per la sicurezza del cittadino.

Pedinamenti e intercettazioni hanno messo in luce un quadro abitudinario

Le indagini hanno permesso di scoprire un quadro di abitualità e professionalità criminale in cui i membri di queste famiglie trascorrevano il loro tempo a parlare, pianificare, organizzare ed infine attuare i richiamati gravi delitti. 

I membri delle famiglie e del gruppo avevano un alto tenore di vita nonostante fossero privi di entrate lecite e la loro condotta usuraia, generava un alto giro di denaro e investimenti in immobili.

Per dissimulare l'ingente patrimonio, facevano ricorso a prestanome proprio per evitare sequestri patrimoniali.

Sequestrata villa in Praia

I carabinieri hanno sequestrato una villa dal valore di circa 250mila euro in strada San Lazzaro, stradina in zona Praia tra via Pavese e via Ungaretti.

Sequestrato anche un autolavaggio a Nichelino per 60mila euro, 330mila euro in contanti, 6,5 chili di oro in lamine per 350mila euro, una BMW serie 5 e una Fiat 500 per un valore complessivo di 50mila euro nonché preziosi tra cui spicca un bracciale in oro con 70 diamanti e analoghe pietre 20 carati per un valore del valore di 30mila euro.

Inoltre, i Carabinieri hanno sequestrato altri beni, quale corrispettivo per “equivalente” degli introiti di derivazione illecita riconducibili in particolare all’attività di usura, pari a 110mila oltre a documentazione utile per ulteriori approfondimenti.

Gli arrestati

Sono i fratelli Daniel e Fabio Bresciani, Loredana Agazzi, la sorella Jenny, la madre Angela Vailatti e MaximilianonCinieri. Ai domiciliari Giulio Gai, Alessio Tropea, Francesco Franco, Elisa Fragale e 'Mario il libanese'.

L’intervista al comandante provinciale dei Carabinieri, Col. Andrea Mommo dai colleghi di ImperiaNews

Betty Martinelli

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium