/ Sanità

Sanità | 12 maggio 2021, 07:52

Oggi 12 maggio, Giornata Internazionale dell'Infermiere: "Non etichettateci come angeli o eroi" [VIDEO]

Non solo oggi, ma in questa ricorrenza, il desiderio del giusto riconoscimento alla professione di chi lotta in prima linea. Domani alle 18 ad Asti una tavola rotonda sui diversi aspetti sanitari del Covid

Oggi 12 maggio, Giornata Internazionale dell'Infermiere: "Non etichettateci come angeli o eroi" [VIDEO]

Oggi, 12 maggio, Giornata Internazionale dell’Infermiere, è l’occasione per ricordare e rendere il giusto omaggio a questi professionisti sanitari, soprattutto da un anno a questa parte chiamati angeli, eroi e salvatori, ma che vogliono e vorrebbero essere riconosciuti con un unico e solo nome: infermieri.

Una ricorrenza per celebrare uomini e donne che lottando ogni giorno in prima linea in questo periodo d’emergenza Covid hanno perso la propria vita per curare e assistere i pazienti, ma una data utile anche per non dimenticarsi mai di una figura professionale che va tutelata e valorizzata.

Gli infermieri, infatti, per tutto il lavoro svolto sul fronte della pandemia sono stati anche candidati al Premio Nobel per la Pace 2021.

Nonostante ciò ancora oggi - scrive il sindacato NurSind di Asti - dopo che il periodo più buio della pandemia sembra superatonon hanno ricevuto una retribuzione adeguata rispetto alle conoscenze, alle capacità ed al percorso di studio intrapreso. Ma non è tutto. La figura dell’infermiere, ancora troppo spesso, è soggetta ad aggressioni verbali e fisiche da parte dell’utenza e viene bistrattata o non rispettata".

Il giusto premio, secondo il sindacato e il suo segretario territoriale, Gabriele Montana è la "valorizzazione e tutela della professione infermieristica, aumento delle assunzioni e stipendi adeguati alla professionalità erogata a tutti i pazienti".

Domani ad Asti il Nursind, per l'occasione organizza, alle 18, centro culturale San Secondo, una tavola rotonda sugli aspetti clinici, assistenziali e normativi su Covid e vaccinazioni.

Il Nusing Up rende noti i numeri dei contagi, oltre 100mila infermieri infettati dall’inizio della pandemia a oggi, 83 i deceduti, "quelli che un virus terribile, sconosciuto, subdolo si è portati via, ma soprattutto un nemico contro cui avremmo potuto e dovuto combattere con armi ben diverse: sono questi i ricordi che affollano la nostra mente e che hanno segnato profondamente il nostro animo, ricordi dolorosi che ci accompagneranno ancora per lungo tempo. Cancellare mesi di stress, di paura, di impegni massacranti, non sarà tanto facile. Ed è forse doveroso non lasciarsi tutto alle spalle".

Lo scorso anno è nato anche un progetto al quale ha partecipato il cantautore astigiano, Danilo Amerio.

Per sostenere ospedali e infermieri, nel giorno della Giornata Internazionale degli Infermieri nell’anno mondiale dell’Infermiere e nel bicentenario della nascita di Florence Nightingale era nata la canzone "In prima linea"#noicongliInfermieri" realizzata dall'associazione culturale "Claudio Moretti" per sostenere la raccolta fondi della Federazione Nazionale degli ordini delle Professioni infermieristiche (FNOPI), per supportare sanitari e famiglie durante questa emergenza.

Il cantautore ha cantato con Sherrita Duran e Franco Fasano, accompagnato dal suo pianoforte dalla sua casa/studio di San Marzanotto.

Betty Martinelli

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium