/ Agricoltura

Agricoltura | 01 giugno 2021, 15:06

Terre Alfieri Arneis e Terre Alfieri Nebbiolo si presentano al grande pubblico

Le due nuove DOCG saranno grandi protagoniste della nuova edizione di “La Barbera Incontra”

Terre Alfieri Arneis e Terre Alfieri Nebbiolo si presentano al grande pubblico

Ottenuta lo scorso anno la Denominazione di Origine Controllata e Garantita del Piemonte (garantita e tutelata dal Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato), le nuove DOCG Terre Alfieri Arneis e del Terre Alfieri Nebbiolo – frutto di un percorso durato una decina d’anni, dall’ottenimento della DOC nel 2009 – si apprestano a presentarsi ufficialmente al grande pubblico.

Un importante passaggio in programma venerdì 18 giugno e che ‘passerà il testimone’ alla nuova edizione diLa Barbera Incontra”, il Festival Agrimusicalletterario che si svolgerà dal 18 al 20 giugno a San Damiano d'Asti, e che vedrà il Terre Alfieri importante protagonista.

Terre Alfieri: il territorio

Le Terre Alfieri sono le bellissime colline che costeggiano il fiume Tanaro tra le città di Asti e Alba. Zone di produzioni agricole eccellenti, di vini di grande carattere e di borghi antichi e fascinosi. Qui vengono prodotte le nuove DOCG Terre Alfieri Arneis e Terre Alfieri Nebbiolo.

La zona di produzione, in particolare, comprende undici comuni all'interno delle province di Asti e di Cuneo: si tratta dei comuni di Antignano, Celle Enomondo, Cisterna d’Asti, Revigliasco, San Damiano d’Asti, San Martino Alfieri e Tigliole in provincia di Asti e parte dei comuni di Castellinaldo, Govone, Magliano Alfieri e Priocca in provincia di Cuneo.


Terre Alfieri Arneis DOCG: descrizione

La denominazione di origine controllata “Terre Alfieri” (minimo 11,5% vol, da disciplinare) Arneis è riservata al vino ottenuto dalle uve provenienti dai vigneti aventi nell’ambito aziendale la seguente composizione ampelografica vitigno Arneis dall’85% al 100%; possono concorrere, congiuntamente o disgiuntamente, uve di altri vitigni a bacca bianca non aromatici idonei alla coltivazione nella Regione Piemonte nella misura massima del 15%. Il Terre Alfieri Arneis si distingue per una spiccata finezza e può esprimersi anche nella tipologia Superiore, al termine di sei mesi di invecchiamento.


Terre Alfieri Nebbiolo DOCG: descrizione

La denominazione di origine controllata “ Terre Alfieri ” Nebbiolo (minimo 12,5% vol, da disciplinare) è riservata al vino ottenuto dalle uve provenienti dai vigneti aventi nell’ambito aziendale la seguente composizione ampelografica: vitigno Nebbiolo dall’85% al 100%; possono concorrere, congiuntamente o disgiuntamente, uve di altri vitigni a bacca nera non aromatici idonei alla coltivazione nella Regione Piemonte nella misura massima del 15 %. Il Terre Alfieri Nebbiolo esprime profumi delicati e una lieve vena tannica e può esprimersi anche nella tipologia Superiore (con 12 mesi di invecchiamento, dei quali almeno 6 in botte di legno) o Riserva (con 24 mesi di invecchiamento, dei quali almeno 12 in botte di legno).

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium