/ Politica

Politica | 02 giugno 2021, 14:46

Il sindaco riapra i termini per candidarsi al Consiglio di indirizzo della Fondazione

Nota stampa congiunta dei consiglieri di minoranza per denunciare le modalità di comunicazione e gestione del bando

L'insegna della sede della Fondazione Cassa di Risparmio di Asti

Ancora una volta si deve prendere atto che la trasparenza non è il tratto saliente del Sindaco della città di Asti.

Ieri infatti, in occasione della riunione della conferenza capigruppo, Rasero ha comunicato la terna dei candidati ad un posto nel consiglio di indirizzo della Fondazione Cassa di Risparmio di Asti, nomina che deve essere effettuata nei prossimi giorni.

Ciò che fa specie è che, per un incarico di sicuro interesse per molti, siano pervenute soltanto tre candidature, almeno due delle quali in qualche modo collegate al Sindaco. Nulla è dato sapere sulle modalità adottate per far conoscere la possibilità di candidarsi, anzi, sembra proprio che nessuno lo sapesse!

Anziché comunicare alla stampa locale la richiesta di candidature entro una determinata scadenza, pare infatti che tutto sia stato fatto in sordina. E dire che il Sindaco non perde occasione per comunicare agli organi di informazione anche le più piccole e spesso banali iniziative personali e della sua Amministrazione.

Una mancanza di trasparenza particolarmente grave che si somma ad una ormai consolidata mancanza di rispetto nei confronti dei consiglieri, dei cittadini e più in generale del concetto di democrazia.

Come è già stato fatto notare da esponenti della minoranza nel corso della conferenza capigruppo, molto probabilmente non arrivano più curricula a causa della scarsissima ,se non inesistente pubblicità dei bandi e per la convinzione ormai diffusa che comunque i giochi siano già fatti a priori. Del resto lo stesso Sindaco ha candidamente e gravemente ammesso di avere personalmente invitato alcune persone a presentare il proprio curriculum (anche se, probabilmente, per incarichi non così prestigiosi e retribuiti).

Non avendo ricevuto alcuna risposta esauriente in termini di trasparenza nel corso della riunione , pur con tutto il rispetto per le sole tre candidature pervenute (su tre che servivano), come consiglieri di minoranza riteniamo necessario e richiediamo formalmente al Sindaco di riaprire i termini del bando con una chiara comunicazione agli organi di stampa al fine di garantire la più ampia diffusione delle informazioni fra i cittadini e la migliore scelta possibile a vantaggio della città e della Fondazione Cassa di Risparmio di Asti che (non va dimenticato) è un bene di tutti.

 

Firmato da

Massimo Cerruti

Angela Quaglia

Mario Malandrone

Giorgio Spata

Maria Ferlisi

Luciano Sutera

Davide Giargia

Michele Anselmo

Mauro Bosia

Martina Veneto

Comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium