/ Attualità

Attualità | 29 luglio 2021, 11:05

L'Avis di Asti raccoglie appello del centro nazionale a donare il sangue. "Ci sono forti carenze"

Il presidente provinciale Cartosio: "Invitiamo tutti i nostri donatori a rispondere positivamente alle nostre sedi"

L'Avis di Asti raccoglie appello del centro nazionale a donare il sangue. "Ci sono forti carenze"

Il Centro Nazionale Sangue segnala una forte carenza di sangue in molte regioni d’Italia, che mette a rischio soprattutto la vita dei malati che necessitano di trasfusioni costanti e ravvicinate, come nel caso dei talassemici.

"L’estate  - sostengono - è da sempre un periodo critico per il reperimento di sangue: molti donatori partono per le vacanze senza aver prima donato oppure viaggiano verso luoghi che prevedono un periodo di sospensione prima di tornare a donare. Quest’anno poi si inserisce nuovamente il problema dei contagi da covid che portano alla sospensione del donatore anche per lunghi periodi".

Alla luce di tutto ciò, dal Centro nazionale sangue arriva appunto la segnalazione della forte carenza di sangue che causa grandi difficoltà, sia per l’attività ordinaria che per quella straordinaria, in caso di emergenze.

Anche l’Avis provinciale di Asti accoglie la segnalazione e invita tutti i suoi donatori alla responsabilità di un gesto che può salvare vite umane.

Vista la situazione di grande difficoltà – commenta il presidente di Avis provinciale Roberto Cartosio – invitiamo tutti i nostri donatori a rispondere positivamente alle nostre sedi, in occasione dei prelievi previsti da calendario. Inoltre estendiamo a tutta la popolazione l’invito a contattare le nostre sedi territoriali e il Centro raccolta sangue presso l’Ospedale di Asti (0141/210410) per diventare donatori di sangue, un grande gesto di solidarietà utile innanzi tutto per i malati, ma anche a noi stessi. I malati necessitano di sangue anche in estate: non rimaniamo sordi di fronte a questo appello”.

Avis ribadisce la necessità di prenotare sempre le donazioni di sangue e plasma, sia in ospedale che in autoemoteca, in modo da contingentare gli ingressi e non creare assembramenti al Centro trasfusionale e sulle autoemoteche posizionate ogni venerdì mattina in piazza Alfieri e ogni domenica in una delle sedi comunali del territorio provinciale. Anche coloro che volessero avvicinarsi alla donazione per la prima volta devono sempre prenotare la visita medica per definire l’idoneità al numero 0141/210410.

Per entrare a far parte della grande famiglia di Avis è necessario avere più di 18 anni, essere in buona salute e pesare più di 50 chili. Inoltre, si ricorda a chi avesse effettuato la vaccinazione anti covid che bisogna attendere tre giorni da ogni inoculazione prima di donare sangue o plasma.

Comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium