/ Cultura e tempo libero

Cultura e tempo libero | 29 luglio 2021, 09:00

La bella estate di Bergolo: nel "borgo di pietra" un fiorire di concerti e mostre

Il piccolo centro della Valle Bormida conferma la sua vocazione artistica con un fitto programma di eventi e proposte, con omaggi a Dante ed Emanuele Luzzati

La bella estate di Bergolo: nel "borgo di pietra" un fiorire di concerti e mostre

Inserito tra i Borghi Sostenibili del Piemonte, coi suoi appena 55 residenti Bergolo figura tra i dieci comuni in assoluto più piccoli d’Italia, ma dati Istat e Open Polis lo pongono anche in cima alle classifiche (al secondo posto nel 2019) dei municipi di dimensioni medie e piccole che impegnano più risorse nella promozione della cultura: ben 85mila euro, in quell’anno, che grazie ai contributi raccolti da enti e fondazioni bancarie sono andati a supportare mostre d’arte, concerti e restauri di opere architettoniche, come la piccola pieve di San Sebastiano, del XII secolo.

A metà strada tra Alba e le coste della Liguria (25 km in linea d’aria da Varazze e 54 via terra da Savona), apprezzato anche per un clima invidiabile, frutto dell’incontro tra i venti del "Marino" e la Tramontana che filtra dalle Alpi, il piccolo centro della Valle Bormida si pone così da tempo come una delle mete di un turismo che specialmente nella stagione estiva ne apprezza non soltanto gli ameni paesaggi – e insediamenti che gli sono valsi l’appellativo di "paese di pietra" –, ma anche una capacità di organizzare proposte di cultura, arte e spettacolo il cui richiamo travalica i confini regionali.

Così anche nella stagione estiva 2021, caratterizzata da un programma fitto e articolato.

CONCERTI D’ESTATE: "I SUONI DELLA PIETRA"

La Langa Alta e Bassa, quella Astigiana e i calanchi alessandrini rappresentano un territorio di una bellezza unica, fonte di ispirazione artistica oltre che di vitale rigenerazione.
I borghi cuneesi di Bergolo, Niella Belbo, Pezzolo Valle Uzzone, Torre Bormida e Levice, gli astigiani Bubbio e Monastero Bormida e l’alessandrino Montechiaro d’Acqui hanno stretto da tempo una collaborazione da cui è nato un percorso musicale e culturale che quest’anno vedrà oltre 100 artisti nazionali e internazionali esibirsi all’aperto in piazze, cortili di palazzi nobiliari, interni di castelli medioevali, sagrati di chiese, pievi e anfiteatri.
I diciotto spettacoli in cartellone dal 26 giugno al 12 settembre rappresentano uno importante spaccato contemporaneo, ma anche storico dell’arte musicale, non tralasciando le usanze anche di popolazioni “emergenti”.

OMAGGIO A EMANUELE LUZZATI

Nel centenario della nascita del grande scenografo, Bergolo organizza la mostra “La mia scena è un Borgo di Pietra”, dedicata alla figura di Emanuele Luzzati.  Bozzetti, modellini, scenografie, fondali, maschere e oggetti di scena provenienti dalla Fondazione Luzzati-Teatro della Tosse di Genova saranno messi in mostra nella suggestiva cornice del "borgo di pietra", facendo da sfondo ideale per la stagione culturale e artistica che dal 26 giugno al 26 settembre animerà la piccola pieve di San Sebastiano, il Teatro della Pietra e la Sala comunale, dove è allestita un’installazione multimediale.

L’"ITINERARIO DANTESCO" DI BRUNO MURIALDO

Nei 700 anni dalla morte di Dante, le "pintopitture" che compongono la mostra/installazione permanente realizzata da Bruno Murialdo completano un itinerario iniziato già due anni fa, formando parte integrante di quel luogo bucolico e di bellezza che è il suggestivo borgo di pietra: luogo "votato all'arte", è stato detto dai diversi autori che lo hanno frequentato, dove la musicalità tra il passato e il presente forma una sinergia con la natura circostante fatta di profumi e di immagini che sicuramente il Sommo Poeta avrebbe amato. Gli schizzi grafici di Murialdo rivelano senso cromatico fortemente espressivo cogliendo l'essenza comunicativa di Dante in un messaggio profondamente attuale.

UN NUOVO LOCALE

"Alimentia" ha scelto Bergolo come punto di riferimento per il lancio dell’e-commerce del suo marchio "100Torri Alba". Il paesino dell’Alta Langa e le sue vie disseminate di opere d’arte, saranno lo sfondo per la promozione della linea di pasta, sughi e dolci ideata per promuovere a livello internazionale i prodotti della nostra zona, creando un singolare percorso gastronomico-culturale. La distribuzione e la vendita dei suoi prodotti avverranno anche in paese, all’interno del nuovo locale "ParolePerdute", in apertura a giorni. Qui si potranno gustare aperitivi e colazioni in un ambiente familiare e su una suggestiva terrazza panoramica.

I.P.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium