/ Sanità

Sanità | 20 settembre 2021, 15:40

Vaccini anti-Covid, Cirio: "Al via la terza dose su soggetti fragili, entro 15/20 giorni tutti immunizzati"

Il Presidente della Regione ha fatto il punto al San Giovanni Bosco di Torino: "Obiettivo? Portare il vaccino alle persone e non le persone al vaccino"

Vaccinazione anti Covid 19

"La terza dose è importante perché ci permette di proseguire e completare il programma vaccinale, che ha messo in sicurezza il Piemonte e dove abbiamo primeggiato tra le regioni d'Italia

Così il Presidente della Regione Alberto Cirio al San Giovanni Bosco di Torino, dove come in altri ospedali piemontesi ha preso il via la somministrazione della terza dose contro il Covid-19 ai pazienti immunodepressi. Il Piemonte è stata la prima regione in Italia, insieme al Lazio, a percorrere questa strada.

"Entro 15/20 giorni terza dose a tutti i soggetti fragili"

Il nuovo vaccino ai soggetti "deboli", come ha chiarito il governatore, "passa attraverso la segnalazione dei centri specializzati" e coinvolge "quelle persone che sono già in cura per malattie croniche e sono segnalati alle autorità sanitarie della Regione". E sulle tempistiche è intervenuto il Direttore Generale dell'Asl di Torino Carlo Picco: "Convocheremo tutti i soggetti fragili che rientrano nell'elenco del Ministero e li vaccineremo rapidamente: conto nell'arco di 15/20 giorni di completare questa popolazione". 

"Portiamo il vaccino alle persone e non le persone al vaccino"

L'obiettivo, ha poi proseguito Cirio, "è di portare il vaccino alle persone e non le persone al vaccino. Ieri al Cheese di Bra avevamo una postazione mobile per i vaccini (la stessa postazione transiterà anche ad Asti, alla Douja d'Or, ndr.) e ne abbiamo fatti più di 200: è la testimonianza di come se lavoriamo in questa direzione riusciamo ad ottenere risultati importanti".

Più di 3mln e 300mila hanno aderito alla campagna vaccinale

Al momento in Piemonte, su 4 milioni di persone che hanno diritto al vaccino, più di 3 milioni e 300 mila hanno aderito alla campagna: sono in corso le seconde vaccinazioni per tutti e siamo la prima regione d'Italia ad aver tolto le prenotazioni. "Grazie a tutto questo - ha sottolineato il Presidente - dai primi di settembre abbiamo avuto 80 mila adesioni in più: questo è l'unico grande modo per non chiudere più".

Sempre in questo ambito questa mattina al Mauriziano è stata fatta la terza dose su pazienti in dialisi.

Cinzia Gatti (Torino Oggi)

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium