/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 20 novembre 2021, 13:00

La Cantina Sociale Barbera dei Sei Castelli premiata dal Gambero Rosso

Nella Guida Berebene 2022 anche il Barbera d’Asti DOCG Ventiforti 2020 della cooperativa piemontese, a cui va il “Premio qualità prezzo”

La Cantina Sociale Barbera dei Sei Castelli premiata dal Gambero Rosso

La qualità accessibile a tutti: è ciò che ha permesso alla Cantina Sociale Barbera dei Sei Castelli di ricevere il “Premio qualità prezzo” del Gambero Rosso nella Guida Berebene 2022. Un riconoscimento importante per la cooperativa piemontese, che da sempre ha fatto dell’eccellenza e dello spirito di unione i suoi punti di forza.

Quando, infatti, nel 1997 tre storiche cantine astigiane si unirono per costituire un’unica realtà, nacque ad Agliano Terme la Cantina Sociale Barbera dei Sei Castelli, oggi la maggiore produttrice al mondo di Barbera d’Asti, un vino dal tipico carattere piemontese. Un primato reso possibile anche dalla posizione particolarmente favorevole della Cantina, situata in una zona riconosciuta tra le più vocate per la coltivazione di Barbera grazie alle magnifiche esposizioni e ai suoli straordinari che conferiscono all’uva una tipicità unica.

Negli anni la Cantina ha attraversato una profonda evoluzione che le ha permesso di crescere molto e affermarsi sul mercato, senza mai dimenticare di mettere al centro dell’intero processo produttivo i suoi soci, la vera ricchezza della cooperativa. Oggi, infatti, Barbera dei Sei Castelli conta 288 soci conferitori che, con passione e maestria, curano gli oltre 700 ettari di vigneto e producono circa 70000 quintali di uva ogni anno, per dar vita a un vino unico e di altissima qualità.

Oltre al suo prodotto di punta, infatti, la Cantina offre un’ampia selezione di vini: dal Nizza D.O.C.G. al Barbera del Monferrato, dal Grignolino d’Asti al Monferrato Dolcetto, ma anche Cortese dell’Alto Monferrato, Piemonte Chardonnay, Moscato d’Asti e Brachetto d’Acqui.

Una varietà e una qualità rese possibili dal lavoro dei soci conferitori e dalla collaborazione. Infatti, come sottolinea Andrea Ghignone, Presidente della cooperativa Barbera dei Sei Castelli, “La cooperazione ci ha permesso di diventare i maggiori produttori di Barbera d’Asti Docg tra Agliano Terme e Castelnuovo Calcea, un territorio di eccellenza per questo vino. Inoltre, poter contare su tanti soci vuol dire avere a disposizione uva da territori anche molto diversi tra loro: questo ci permette di scegliere le vigne ideali per ogni tipologia di vino che produciamo e ha reso possibile la creazione di una ampia gamma di prodotti, tra cui 2 Barbere d’Asti Docg, una Barbera d’Asti Superiore e un Nizza Docg. E, come ci piace ricordare, siamo una cooperativa nel cuore della Barbera e con la Barbera nel cuore!”

Un forte spirito di cooperazione, dunque, che ha portato la Cantina Sociale Barbera dei Sei Castelli a prendere parte all’iniziativa “Alle origini della tavola” che, nell’ambito del più ampio progetto Piacere Piemonte realizzato e promosso da Confcooperative Fedagripesca Piemonte e GestCooper, con il sostegno della Regione Piemonte nell’ambito del PSR 2014-2020, vuole far conoscere al grande pubblico la cooperazione agroalimentare piemontese, presentando le realtà agricole che nel nostro territorio promuovono il concetto di filiera corta e controllata, con l’obiettivo di portare sulle tavole dei consumatori prodotti salutari e di alta qualità.

I.P.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium