/ Cronaca

Cronaca | 26 novembre 2021, 18:14

Nel 2021 denunciati alla polizia di Asti quattro casi di violenza sessuale e 25 maltrattamenti in famiglia

Resi noti i dati della campagna 'Questo non è amore', con testimonianze reali, curate dalla Divisione Anticrimine

Nel 2021 denunciati alla polizia di Asti quattro casi di violenza sessuale e 25 maltrattamenti in famiglia

Nella settimana contro la violenza sulle donne, la polizia rende noti alcuni dati della campagna. "Questo non è amore" - che ha lo scopo di informare e sensibilizzare i cittadini ed aiutare l'emersione delle situazioni di violenza - il Servizio Centrale Anticrimine ha realizzato l'edizione 2021 della brochure ”Questo non è amore".

Il documento è stato concepito come strumento utile per diffondere ai cittadini informazioni sul fenomeno e sugli strumenti di tutela con focus sulla misura di prevenzione dell'ammonimento e contiene "storie" e testimonianze reali; nell’ambito di queste ultime, uno spazio è stato riservato alla Questura di Asti, apprezzata dalla Direzione per l’impegno profuso sia in termini di accoglienza delle donne vittime che della realizzazione di misure di prevenzione quali l’ammonimento del Questore e la sorveglianza speciale, destinate ad arginare ed a prevenire il fenomeno.

Per la realizzazione dell’opuscolo è stata messa a fattor comune l’esperienza sul campo degli operatori così da consentire un prodotto in grado di condensare la mission della campagna di prevenzione nella quale la Polizia di Stato è impegnata in prima linea.

L’evento narrato è realmente accaduto pochi anni orsono in Asti ed ha visto in brevissimo tempo la messa in sicurezza della giovane vittima che ha riposto, dopo una iniziale fatica, tutta la propria fiducia negli Uffici che l’hanno accolta e ai quali a tutt’oggi fa riferimento per confronto e sicurezza.

Gli opuscoli vengono distribuiti alle scuole cittadine ed a tutta l’utenza pubblica degli sportelli della Polizia su questo territorio; inoltre verranno messi a disposizione presso tutti gli Uffici della efficace e imprescindibile rete cittadina di sostegno alla donna vittima di violenza (quali Centro Antiviolenza, CRI, servizi sanitari e socio assistenziali, SOS Donna etc).

La storia narrata nell’opuscolo è diventata altresì un video efficace ed emozionante, interpretato personalmente dalla giovane vittima che ha trovato la forza necessaria affinchè quanto accadutole non debba ripetersi ad altre donne. Il video, realizzato in esclusiva col contributo del personale della Divisione Anticrimine e della Polizia Scientifica, vuole essere un efficace strumento di divulgazione dell’idea che un’alternativa è possibile per la donna vittima di violenza e che nel percorso, una volta intrapreso, l’istituzione è al suo fianco.

La Questura nel corso di questa settimana ha anche incontrato gli studenti del Polo Universitario Montalcini UniAstiss con una lezione molto partecipata, organizzata dal Referente prof.ssa Chiara Cerrato, dal titolo “Dal silenzio alla parola: contrastare e prevenire la violenza di genere ed i reati d’odio, fenomeni con gravi conseguenze anche sociali”, tenuta dal dirigente la Divisione Polizia Anticrimine dr.ssa Daniela Campasso e dal Dirigente DIGOS dott. Gianluca Vesce.

Ha anche collaborato all’evento organizzato dall’Assessorato alle Pari Opportunità e dall’Ist. Alfieri, con la partecipazione da remoto di oltre 800 studenti per 60 classi di 12 differenti scuole superiori, che hanno manifestato la loro attenzione con moltissime domande ed interventi.

Infine si rammenta che questa Questura, mettendo un focus sul maltrattante, già dallo scorso 8 marzo ha posto attenzione al percorso specializzato di rielaborazione comportamentale rivolto ai destinatari del provvedimenti di ammonimento per stalking/violenza domestica al fine di prevenire i casi di recidiva; a tal proposito il Questore Salvo ha sottoscritto con il Centro Antiviolenza “L’Orecchio di Venere”- Croce Rossa di Asti un protocollo volto all’invio dei soggetti ammoniti presso il Centro al fine di ricevere una assistenza psicologica gratuita per favorire la riflessione ed il superamento della condotta violenta.

Dati della Questura di Asti – Divisione Polizia Anticrimine

Dati della Questura di Asti – Divisione Polizia Anticrimine:

ANNO

Ammonimento

ex art. 8 co. 1 d.l. 11/09 - convertito nella l. 38/09

Ammonimento

ex 3 del decreto legge 14 agosto 2013 nr. 93 convertito nella Legge nr. 119 del 15 ottobre 2013

Sorveglianza Speciale di P.S. ai sensi dell’artt. 4,5,6 D.L. 6.9.2011 n. 159


2020

3

2

1

2021

10

//

1

 


Interventi dell’U.P.G.S.P. nel periodo gennaio-ottobre 2021

STALKING/ATTI PERSECUTORI

VIOLENZA SESSUALI

MALTRATTAMENTI IN FAMIGLIA


2

4

25

 Dati nazionali:

 

Ammonimenti irrogati nel gennaio-giugno 2020 - 2021


Violenza domestica

Atti persecutori


NORD

+ 30%

+21%

CENTRO

+12%

+25%

SUD

+9%

+38%



Recidive dopo l’ammonimento nel gennaio-giugno 2020 - 2021


Gennaio- giugno 2020

Gennaio-giugno 2021

STALKING

11%

6%

VIOLENZA DOMESTICA

7%

9%



Rapporto autore-vittima negli ammonimenti gennaio-agosto 2021


CONIUGE/EX

FIDANZATO/EX

CONVIVENTE/EX


69%

GENITORE

FIGLIO/A

16%


Comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium