/ Cronaca

Cronaca | 30 novembre 2021, 07:10

Una prima ricognizione dell'Associazione Penelope per cercare Emanuel Marino, scomparso a luglio

“Riteniamo importante ripartire dal luogo dell’ultima segnalazione certa,” afferma Fabrizio Pace, presidente dell’Associazione e criminologo

Una prima ricognizione dell'Associazione Penelope per cercare Emanuel Marino, scomparso a luglio

Sul caso di Emanuel Marino, 31 anni, scomparso dalla sua casa di Buttigliera d'Asti il 27 luglio, si concentra l'associazione Penelope che si occupa di persone scomparse, su richiesta della sorella Chiara che continua a cercare il fratello senza sosta.

Da ieri, a cercarlo soprattutto a Poirino, zona in cui Emanuel è stato avvistato senza dubbio, anche il criminologo forense, Fabrizio Pace, presidente dell'Associazione.

Riteniamo importante ripartire dal luogo dell’ultima segnalazione certa,” afferma Pace, ossia quella avvenuta nei pressi di Poirino.”

Il primo sopralluogo è avvenuto ieri coordinato dallo stesso Pace, con Virginia Canzani e Costanza Crociani, rispettivamente segretario e tesoriere per Penelope Piemonte, e dall’avvocato Paola Zuppardo, anch’essa parte del direttivo.

Del gruppo ha fatto parte una squadra della Federazione Nazionale Vigili del Fuoco Volontari, capitanata dal presidente Alberto Pilotto, oltre a Franco Muccione con la sua unità cinofila che svolgerà la relativa attività addestrativa. Hanno partecipato anche dei volontari del gruppo Droni della Federazione, che si sono resi disponibili a effettuare una prima ricognizione utilizzando la loro strumentazione altamente specializzata.

Una prima analisi per poter pianificare interventi più strutturati per trovare le tracce di Emanuel.

Furono i genitori a denunciarne la scomparsa e nei giorni a seguire le ricerche si erano concentrate nelle zone di Castelnuovo, Poirino e Villanova d’Asti, aree in cui si erano avuti i primi avvistamenti del ragazzo.

"Eppure, spiega ancora Pace, nonostante i numerosi interventi dei Vigili del Fuoco, affiancati dalle unità cinofile e con l’ausilio dei droni, di Emanuel non si hanno tracce e pertanto le ricerche si sono interrotte nei primi giorni di agosto".

Nelle settimane successive, sono arrivate ulteriori segnalazioni, questa volta da Torino, dove il ragazzo pare essere stato  avvistato nelle zone di Porta Nuova e di Porta Palazzo in stato confusionale, forse anche a causa della sua condizione psichiatrica non trattata ora che è lontano da casa.

La vicenda era anche approdata a 'Chi l'ha visto' e la sorella Chiara ha anche distribuito volantini, cercando notizie del fratello ovunque. Ora un altro tentativo per avere notizie di Emanuel.

Betty Martinelli

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium