/ Sanità

Sanità | 07 gennaio 2022, 17:21

Covid & infermieri, dal NurSind Piemonte ancora un allarme: "Personale decimato e ancora caos graduatorie"

"Se un infermiere sta lavorando già a tempo determinato in una azienda e si trova in una graduatoria di un altra azienda, magari di un altra provincia, deve poter restare dov’è"

Francesco Coppolella (MerfePhoto)

Francesco Coppolella (MerfePhoto)

"Mentre la situazione sta precipitando nuovamente e  il personale decimato sul campo si lecca le ferite, continua la gestione inadeguata delle risorse, senza regole uniformi o con regole che non vengono rispettate".

A dirlo è Francesco Coppolella, segretario regionale del NurSind che chiede alla Regione di regolare la gestione delle graduatorie  nell’interesse  dell’intero sistema sanitario regionale e non delle singole aziende

"Pretendiamo - rimarca -  che la Regione si faccia ascoltare. Non è né possibile, né tollerabile che ognuno faccia come vuole o come meglio crede fregandosene della situazione generale e di quella degli infermieri, considerati ormai solo pedine da trasportare da una azienda all’altra o da una provincia ad un altraNon è possibile che in questo momento ci si metta a fare guerre tra aziende. Se un infermiere sta lavorando  già  a tempo determinato in una azienda e si trova in una graduatoria di un altra azienda, magari di un altra provincia, deve poter restare dov’è".

Il segretario Nursind ha chiesto all’assessore Icardi che si facciano rispettare le Dgr che impongono alle aziende di concedere le graduatorie a tempo indeterminato "ma soprattutto che si ottimizzino le già poche risorse che devono essere messe a disposizione di tutti e nel minor tempo possibile. Abbiamo graduatorie a tempo indeterminato ma si chiamano i colleghi proponendo contratti a termine ai quali nessuno più risponderà a breve".

E, rimarcando che presto "i toni della protesta si alzeranno", ricorda che la vita degli infermieri è perennemente stravolta da due anni, senza avere avuto nulla di ciò che gli era stato promesso. Sappiamo essere la principale risorsa nella lotta al covid, nel tracciamento , nelle vaccinazioni , nelle rianimazioni e reparti covid, almeno finiamola con questa storia dei contratti a termine e di essere sbattuti da una parte all’altra".

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium