/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 01 ottobre 2022, 11:27

Casa di Riposo Città di Asti: partite le prime 14 mobilità, il 5 ottobre si dimetterà il commissario

Il consigliere comunale Malandrone (Ambiente Asti) chiede: "Che fine hanno fatto le garanzie della Regione sui posti convenzionati? L'idea di futuro è finita con la domenica elettorale?"

Sindacati al Consiglio Comunale aperto il 12 settembre

Sindacati al Consiglio Comunale aperto il 12 settembre

Il 12 settembre scorso si è tenuto il Consiglio comunale aperto sulla Casa di Riposo Città di Asti (Leggi QUI e QUI), alla presenza di istituzioni locali, regionali, sindacati e lavoratori.

La minoranza, in quella sede aveva proposto un ordine del giorno, approvato all'unanimità, tranne che da Fratelli d'Italia, usciti "dall'aula" dove si richiedevano impegni precisi alla Regione.

L'assessore regionale Marrone (Fratelli d'Italia) e i consiglieri Canalis e Valle (PD), avevano promesso impegno e soluzioni (anche per gli 8 milioni di debito) il commissario straordinario della struttura, Mario Pasino, il 5 ottobre rassegnerà le dimissioni. 

Questa mattina il consigliere comunale di Ambiente Asti, Mario Malandrone, con una nota esprime perplessità: "Votiamo un ordine del giorno che passa la palla alla Regione e tutti applaudono: consiglio , lavoratori e sindacati - scrive -. Nessuno torna sulle responsabilità di gestione, a chi doveva vigilare sulla Casa di Riposo, scurdammoce 'o passato e guardiamo al futuro. Si chiede garanzia per i posti letto convenzionati, si chiede apertura a nuovi servizi (Hospice, lungodegenza, CAVS), si chiede una via".

E comunica che da ieri sono partite le prime 14 messe in mobilità dei lavoratori.

"Tutti si erano fatti paladini dei posti di lavoro in Consiglio - rimarca Malandrone -. La passerella pre elettorale è finita, la valorizzazione della casa di riposo anche? Il 5 di ottobre ci saranno le dimissioni del commissario e arriverà un'offerta di privati, ma le garanzie della regione sui posti convenzionati, sul futuro che fine han fatto? C'è un'idea per il futuro? O il futuro è finito con la domenica elettorale e con la passerella?".

Malandrone chiama in causa la collega in consiglio, Vittoria Briccarello (Uniti si può): "Ha pienamente ragione, dobbiamo riportare il tema nel prossimo consiglio, la questione dei lavoratori ci sembra una priorità. Magari avessimo la possibilità dovremmo teletrasportare l'assessore Marrone in Consiglio e chiedergli cosa ha esattamente fatto, a quali impegni ha adempiuto, considerato che ad Asti quasi uno su due ha votato il loro candidato di Fratelli  d'Italia , forse tra il personale della Casa di Riposo che rischia in futuro ci può essere pure qualche suo elettore".

Betty Martinelli

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium