/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 03 ottobre 2022, 10:32

Dalla Regione 2,5 milioni per chi ha difficoltà a pagare l’affitto

Potranno usufruire del supporto i residenti nei Comuni piemontesi maggiormente “virtuosi”

L'assessore regionale Chiara Caucino

L'assessore regionale Chiara Caucino

La Regione Piemonte ha allocato 2,5 milioni di euro da destinare ai molti cittadini piemontesi che, reduci dalla crisi pandemica e alle prese con il caro bollette, hanno difficoltà a pagare mensilmente l’affitto dell’abitazione e che abitano nei Comuni più “virtuosi”.

Su proposta dell’assessore al Welfare Chiara Caucino, il Piemonte ha deciso di rifinanziare le Agenzie sociali per la locazione e assegnare, nel 2022, maggiori risorse ai comuni che hanno presentato dal 2014 al 2021 una maggiore percentuale di spesa sulle risorse assegnate dall’Ente di piazza Castello nello stesso periodo, distribuendo le risorse regionali a disposizione per il 2022 con un criterio di ripartizione premiante per le Città che abbiamo raggiunto, fino al 2 settembre scorso, una maggiore percentuale di risorse a sostegno dei nuclei familiari in condizioni di svantaggio economico e sociale.

Non solo: la giunta, sempre su proposta di Caucino, ha deciso di prevedere un ampliamento della platea dei beneficiari, stabilendo che le risorse possano essere utilizzate dai Comuni, in via sperimentale, anche per il pagamento delle mensilità nel caso una famiglia non ce la faccia a pagare l’affitto: si tratta di 8 mensilità che verranno anticipate.

Tra i beneficiari figurano anche i genitori legalmente separati o divorziati che, per effetto della sentenza o accordo omologato ai sensi della normativa vigente, non abbiano la disponibilità della casa coniugale di cui sono proprietari.

L’aggravarsi della crisi internazionale e il caro bollette - spiega Caucino - rischiano di innescare una vera e propria bomba sociale. Provvedimenti come questo dimostrano come il mio assessorato, nei limiti del bilancio disponibile, stia facendo tutto il possibile per aiutare i più fragili, con l’auspicio di individuare presto nuova liquidità in grado di aumentare l’elargizione”.

“Fondamentale - prosegue Caucino - anche il principio di premialità, che valorizza i Comuni più virtuosi, stimolando tutti, in questo modo, a sfruttare al meglio le risorse che la Regione mette a disposizione. L’obiettivo è sempre lo stesso: difendere i più fragili e sostenere le situazioni di oggettiva, incolpevole, difficoltà”.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium