/ Al Direttore

Al Direttore | 14 novembre 2022, 16:41

"Chi antepone la propria bandiera ai diritti che è chiamata a difendere svilisce e rende subalterno il proprio ruolo"

Luca Quagliotti, segretario generale Cgil Asti e Arianna Franco, Nuovi diritti, intervengono sulle dichiarazioni dell'assessore Zollo a proposito delle affermazioni del consigliere Venturini. "Si esprima il Nodo Antidiscriminazione

L'assessore Zollo durante una manifestazione (MerfePhoto)

L'assessore Zollo durante una manifestazione (MerfePhoto)

Riceviamo e pubblichiamo

Sembra non ci sia fine per la bagarre causata dai post del consigliere Venturini che ha di fatto sollevato il coperchio sulla tematica delle pari opportunità e di quanto questa sia meritevole di tutele da parte della nostra politica cittadina.

Abbiamo preso atto delle dichiarazioni dell’assessora (ammesso che non voglia definirsi assessore) Eleonora Zollo e, francamente, troviamo inconcepibile che quest’ultima possa non sentirsi profondamente offesa come donna.

L’affermazione dell’Assessora "Venturini ha condiviso un post goliardico il cui contenuto prende in giro una certa ideologia…" è ancora più grave di quelle di Venturini stesso. 

Se lasciarsi andare a offese sessiste nei confronti degli avversari politici è goliardia, se insultare una donna che ha ricoperto una delle massime istituzioni del nostro Paese viene ritenuto accettabile da chi dovrebbe schierarsi, a prescindere, a difesa delle donne e contro tutte le discriminazioni, temiamo allora che la nostra Città stia tornando indietro di decenni sui temi dei diritti delle donne. Sarebbe bastato dire: "Il post è sbagliato, Venturini chieda scusa alle donne" invece di optare per una squallida difesa d’ufficio.

È evidente che l’assessora Zollo, che proprio di pari opportunità dovrebbe occuparsi, abbia deciso di anteporre “la bandiera” a quei diritti che sarebbe chiamata a tutelare.
Non possiamo celare la nostra preoccupazione riguardo la possibilità di continuare con il Comune di Asti il percorso di condivisione di iniziative volte alla promozione delle pari opportunità e alla lotta contro ogni tipo di discriminazione fondata su genere, etnia, orientamento sessuale, identità di genere, ecc. 

A questo aggiungiamo che, ad oggi, il Nodo Antidiscriminazione è rimasto silente. Quale ruolo esso vuole assumere in tutta questa incresciosa faccenda? È stata garantita la sua libertà di agire, la moral suasion idonea? Ci permettiamo di avere forti dubbi e chiediamo al Nodo Antidiscriminazione e all’amministrazione del Comune di Asti di esprimersi quanto prima in merito. 

Il Nodo antidiscriminazione o è indipendente o non lo è.
Ingerenze e inefficienze non devono verificarsi e non possono che danneggiare irrimediabilmente le persone che hanno bisogno di pari diritti e pari opportunità molto più che di goliardia che, tra l’altro, non fa ridere proprio nessuno.

Luca Quagliotti  Segretario Generale CGIL Asti

Arianna Franco Ufficio Nuovi Diritti CGIL


Vuoi rimanere informato sulla politica di Asti e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 348 0954317
- inviare un messaggio con il testo ASTI
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
LaVocediAsti.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP ASTI sempre al numero 0039 348 0954317.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium