/ Cronaca

Cronaca | 23 novembre 2022, 09:32

Operazione Cavallino: la Guardia di finanza di Asti sequestra falsa Ferrari F430 [VIDEO]

Fermato un ventiseienne astigiano. L'auto sequestrata era una Toyota Coupè trasformata

Operazione Cavallino: la Guardia di finanza di Asti sequestra falsa Ferrari F430 [VIDEO]

Un ventiseienne astigiano è stato fermato dalla Guardia di finanza di Asti.

Era alla guida di una ‘falsa’ Ferrari F430, costruita ‘artigianalmente’.

L’autovettura, a seguito degli accertamenti svolti, è risultata essere una Toyota MR” Coupè, trasformata nella carrozzeria e negli accessori esterni per renderla del tutto somigliante a una Ferrari F430: stemmi, loghi e parti meccaniche originali della casa di costruzione, come cerchi, pinze freno, cofano anteriore e posteriore, passaruota e volante, infatti, sono stati sostituiti con prodotti apparentemente del tutto uguali a quelli del noto modello sportivo del Cavallino Rampante prodotto dal 2004 al 2009 con design “Pininfarina” dalla prestigiosa fabbrica di auto di lusso di Maranello (MO).

La contraffazione è stata confermata anche dai periti intervenuti dopo il fermo dell’autovettura.

L’auto è quindi stata sequestrata dalle fiamme gialle e il proprietario denunciato alla Procura della Repubblica di Asti per l’utilizzo, senza autorizzazione, di marchi di fabbrica registrati.

Un'importante operazione di tutela del Made in Italy, come rimarca la Guardia di finanza: "L’azione di servizio, coordinata dalla Procura della Repubblica di Asti, assume valore strategico e mira alla tutela delle produzioni nazionali, specie come in questo caso quando si contraddistinguono per l’alta qualità e per essere uno dei simboli più conosciuti ed apprezzati dell’italian style nel mondo".

Il procedimento penale si trova ancora nella fase delle indagini preliminari e la responsabilità dell’indagato sarà definitivamente accertata solo nel caso dell’emissione di una sentenza irrevocabile di condanna.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium