/ Al Direttore

Al Direttore | 02 dicembre 2022, 09:21

In agitazione il personale dell'Ispettorato del Lavoro di Asti, oggi dalle 12 alle 13 e lunedì 12 dicembre

Salvatore Bullara, responsabile territoriale Cisl Fp Alessandria Asti: "Monta la protesta per la mancanza di rispetto del Governo nei confronti di lavoratori chiamati a svolgere ogni giorno delle funzioni delicatissime"

In agitazione il personale dell'Ispettorato del Lavoro di Asti, oggi dalle 12 alle 13 e lunedì 12 dicembre

Riceviamo e pubblichiamo

I governi cambiano ma l’attenzione di questi nei confronti dei dipendenti chiamati a difendere i diritti e finanche la vita dei lavoratori rimane la stessa, ovvero pari a zero.

Dopo le manifestazioni di protesta di questa primavera, con il decreto “aiuti”, il governo aveva stanziato dei fondi per erogare ai dipendenti dell’Ispettorato del lavoro una somma “una tantum” che iniziasse a compensare la mancata armonizzazione dell’indennità di ministero per l’anno 2022, e si era impegnato a reperire le risorse per pagare anche le differenze dovute per gli anni 2020 e 2021, così come già avvenuto per i dipendenti degli altri ministeri.

A distanza di cinque mesi, non solo non è ancora stata predisposta alcuna norma di legge che sani questa iniquità, ma ai dipendenti non è nemmeno stata liquidata l’una tantum suddetta per il 2022.

A fronte del fatto che neanche nella legge di bilancio è stato previsto lo stanziamento delle somme necessarie per rispettare l’impegno solennemente preso dal Governo, tutte le organizzazioni sindacali. hanno indetto lo stato di agitazione di tutto il personale dell’Ispettorato del Lavoro, con un’assemblea sindacale nazionale per il giorno 2 dicembre dalle 12 alle 13 e una intera giornata di sciopero nella giornata del 12 dicembre.

Monta dunque la protesta, ma soprattutto lo sbigottimento e lo sdegno per la mancanza di rispetto del Governo nei confronti di lavoratori chiamati a svolgere ogni giorno delle funzioni delicatissime e per la disinvoltura con cui si ignorano gli impegni solennemente assunti, salvo poi lamentarsi ed interrogarsi pubblicamente sui vari mezzi di comunicazione del fatto che i vincitori dei concorsi per l’Ispettorato non prendano servizio e preferiscano altre amministrazioni.

Nei prossimi giorni chiederemo di essere ricevuti dal Prefetto per illustrare le motivazioni di questo gesto estremo e consegnargli un documento da inoltrare al Governo.

Il responsabile territoriale CISL FP Alessandria Asti Salvatore Bullara

Al direttore

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium