/ Attualità

Attualità | 14 marzo 2023, 15:07

Alla scoperta delle meraviglie del nostro territorio nella Giornata Nazionale del Paesaggio

Dal capoluogo a Canelli, da Costigliole a Montechiaro, l'Astigiano offre un imperdibile caleidoscopio di proposte

La campagna astigiana

La campagna astigiana

Istituita nel 2001, la Giornata Nazionale del Paesaggio che si celebra oggi, 14 marzo, è una importante occasione di riflessione sull’importanza dei luoghi che ci circondano, sulla loro bellezza, sulla loro conservazione e valorizzazione.

Il paesaggio è un bene comune e, come tale, deve essere tutelato e valorizzato. Poiché, come ben evidenziato anche nell’ambito della candidatura Astigiana a Capitale Italiana della Cultura 2025 (CLICCA QUI per rileggere l’articolo), rappresenta un patrimonio culturale, storico e ambientale di inestimabile valore che merita di essere conservato e tramandato alle generazioni future.

Pertanto, nel caso foste impossibilitati a farlo oggi, vi invitiamo a ‘approfittare’ del prossimo fine settimana per andare alla scoperta di alcune delle molteplici meraviglie del nostro territorio, che offre panorami mozzafiato, dove colline ricoperte di vigneti si alternano a paesaggi campestri e borghi medievali dal fascino antico. Una meta ideale per chi desidera immergersi nella natura e vivere momenti di assoluta tranquillità.

A riprova che, davvero, #viviamoinunpostobellissimo che ci consente di rimarcare con fierezza il nostro #Orgoglioastigiano (hashtag che caratterizzano due delle nostre tre rubriche – la terza è ‘Vacanze Astigiane” dedicate al territorio – che potete leggere cliccando QUI e QUI), vogliamo citare rapidamente alcuni luoghi davvero meritevoli di una visita.

Partendo dal Nord Astigiano, una delle zone più suggestive della provincia, con la sua campagna verde e rigogliosa che si estende all'orizzonte, prendendosi qualche ora per ‘perdersi’ tra le strade tortuose che si snodano tra campi e allevamenti. Arrivando a Montechiaro, è possibile ammirare la chiesa romanica dei Santi Nazario e Celso, con la sua maestosa facciata in pietra.

Spostandosi a Costigliole d’Asti, oltre al bellissimo castello, si può ammirare la chiesa della Madonnina o godere la magnifica vista di Bricco Lu, punto paesaggistico che offre una vista panoramica sulla città e sulle colline circostanti.

Tocchiamo infine Canelli, per ammirare la Torre dei Contini, immersa in un luogo fiabesco che ben testimonia la millenaria storia della cittadina. Che a sua volta, con il centro storico caratterizzato da stradine lastricate e piazze accoglienti, è il luogo ideale per una passeggiata rilassante. In alternativa, sempre nei pressi, ci si può spostare sulla ‘Sternia’ (oggi via di Villanuova), caratterizzata da opere di numerosi artisti inneggianti all’amore.

Chiaramente, nel caso decidiate di visitare uno dei luoghi che vi abbiamo segnalato, vi invitiamo a documentare fotograficamente la vostra visita e inviarci le immagini (da 1 a 5) per partecipare al nostro contest fotografico (CLICCA QUI per maggiori dettagli) di supporto alla candidatura astigiana a Capitale della Cultura 2025. Per la quale vi ricordiamo gli hashtag ufficiali #Asticapitalecultura e #Coltiviamoinsiemelacultura

Gabriele Massaro

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A FEBBRAIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium