/ Sanità

Sanità | 27 maggio 2023, 15:55

In migliaia alla "marcia" per denunciare la politica sanitaria del Piemonte: in piazza medici, infermieri e professionisti della Salute [GALLERIA FOTOGRAFICA e VIDEO]

Il corteo affronta un percorso di circa 3 chilometri: da piazza Carducci, proprio accanto all'ospedale Molinette, fino al Grattacielo della Regione, in via Nizza, dove ci sarà un presidio

In migliaia alla "marcia" per denunciare la politica sanitaria del Piemonte: in piazza medici, infermieri e professionisti della Salute [GALLERIA FOTOGRAFICA e VIDEO]

Sono migliaia (ottomila secondo gli organizzatori) i lavoratori della Sanità piemontese, quindi medici, infermieri, farmacisti ospedalieri, operatori, dirigenti e professionisti, che oggi dalle 14 a Torino stanno partecipando alla cosiddetta "Marcia della Salute".

Si tratta di un corteo di circa 3 chilometri, da piazza Carducci al Palazzo della Regione in via Nizza, il cui obiettivo è denunciare la politica sanitaria attuata negli ultimi anni dalla Regione Piemonte: taglio dei posti letto, blocco del turnover degli operatori sanitari, mancanza di una politica dei servizi territoriali adeguata, incapacità di risolvere il problema delle lunghissime liste d’attesa.

L'iniziativa è stata promossa, con una serie di incontri, conferenze stampa e volantinaggi, dal 'Comitato per il diritto alla tutela della salute e alle cure' (CLICCA QUI per rileggere l'articolo sulla conferenza stampa di presentazione del Comitato astigiano), formato da oltre 60 associazioni tra cui Cgil e Anaoo, gli Ordini dei Medici, Psicologi, Biologi, infermieri, Nursind Piemonte, Tribunale dei diritti del malato e Nursing Up. A chiamarsi fuori, denunciando la valenza politica dell'evento, è stata quasi solo la sigla di Cimo-Fesmed. Numerosi i partecipanti anche della nostra provincia.

"Non è soltanto una manifestazione sindacale - aveva spiegato nei giorni scorsi Giorgio Airaudo della Cgil - perché la sanità pubblica è qualcosa che tocca tutti, proprio tutti. Questo è un momento in cui, grazie al Pnrr, ci sono i soldi per cambiare il futuro della sanità piemontese e anche nazionale. Se non lo si vuole fare è per una chiara linea politica in un paese in cui è più che raddoppiato il numero di cittadini che ricorre a cure private a pagamento, mentre molti ormai ci rinunciano. Noi speriamo che questo nostro appuntamento sia di stimolo anche per sollevare la questione sanitaria a livello nazionale".

In vista della manifestazione sono stati snocciolati un po' di numeri: la cronica mancanza di personale ammonterebbe in Piemonte ad almeno 9.000 professionisti, tra cui 2.000 dirigenti medici ospedalieri e medici di Medicina Generale e 7.000 professionisti (di cui 4.000 infermieri) oltre ad altri 2.000 operatori per far funzionare le Case della Salute e gli ospedali di comunità finanziati dal Pnrr. Gli infermieri piemontesi, inoltre, al 31 dicembre, avevano un residuo di circa 1.200.000 ore di straordinario e circa 150.000 giornate di ferie non godute nell’anno di spettanza, senza voler contare la disponibilità a svolgere prestazioni aggiuntive al di fuori dell’orario di lavoro per la copertura di turni che, altrimenti, resterebbero scoperti. A questo si aggiunge che le aziende del Servizio Sanitario Regionale hanno risparmiato le risorse a disposizione per le assunzioni di personale per almeno 50 milioni di euro (equivalenti, per capirci, all’assunzione di 1.200 infermieri).

Quando arriveranno davanti alla sede della Regione, intorno alle 17, i manifestanti posizioneranno 4 gazebo per effettuare visite simboliche ai cittadini presenti, misurazioni di pressione e altri servizi.

Verrà simulata anche la rianimazione cardiovascolare su un manichino: "Vogliamo mandare due messaggi", ha spiegato il segretario di Anaao Piemonte Chiara Rivetti, "Il primo è che noi medici interveniamo su tutti i cittadini senza chiedere nome, cognome, conto bancario o provenienza geografica. Il secondo è che la sanità pubblica è agonizzante, ma si può rianimare come si rianima un paziente infartuato sul quale si lavora senza mollare mai un attimo".

Daniele Angi (Torino Oggi)


Vuoi rimanere informato sulla politica di Asti e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 348 0954317
- inviare un messaggio con il testo ASTI
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
LaVocediAsti.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP ASTI sempre al numero 0039 348 0954317.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium