/ Cultura e tempo libero

Cultura e tempo libero | 31 maggio 2023, 14:13

A Nizza l'incontro “Donne, Diritti, Libertà"

Il 9 giugno, nella sede dell'Erca, si parlerà della resilienza delle donne dall’Iran all’Afghanistan

La locandina dell'incontro

La locandina dell'incontro

Il 9 giugno, alle ore 18.30, si terrà l’incontro dal titolo “Donne, Diritti, Libertà: la resilienza delle donne dall’Iran all’Afghanistan” nella sede dell’Erca - in via Pistone, a Nizza Monferrato – si parlerà dei diritti negati alle donne nel mondo, per iniziativa di Associazione Futura, Amnesty International Asti e Libera Asti, con il sostegno dell’Assessorato alla Cultura di Nizza Monferrato.

Interverranno e porteranno il loro contributo al dibattito: Costanza Nardocci, Ricercatrice di Diritto Costituzionale, Dipartimento di Diritto Pubblico italiano e sovranazionale, Università degli studi di Milano. L’Avvocata Ivana Roagna, operante nel settore del diritto degli stranieri, esperta di tutela internazionale dei diritti umani, per tanti anni avvocata pro-bono nelle carceri femminili afghane e Saghi Zavareh, attivista iraniana, impegnata nel sostegno delle donne e uomini che stanno lottando nel suo paese.

La serata sarà dedicata a tutte le donne che, ancora oggi, in molti paesi vedono loro negati diritti fondamentali quali: lavoro, istruzione, sanità, riconoscimento della propria identità femminile. Vietare l’accesso all'istruzione significa togliere alle donne e alle bambine la possibilità di diventare soggetti attivi nella società, di essere autonome nelle scelte sia economiche sia personali. Vuol dire sopprimere la libertà di scegliere il proprio futuro.

Le donne non possono uscire da sole ma devono sempre essere accompagnate da un uomo, non hanno autonomia patrimoniale e nessuna rappresentanza politica. Per questo, le battaglie di libertà delle donne che vivono in Afghanistan, Iran e in molte altre parti del mondo, devono essere le battaglie di tutte le donne e di tutti gli uomini di ogni paese.

Nessuna effettiva libertà sarà assicurata e protetta finché avremo donne e bambine trattate senza alcun rispetto, senza diritto di parola e di esistenza libera e dignitosa.

Dove donne e bambine non possono partecipare pienamente alla vita sociale, politica, economica della comunità in cui vivono, ci saranno ingiustizia, povertà culturale e verranno meno i principi etici basilari: paesi che negano ‘l’altra metà del cielo’ non potranno mai vedere il cielo nella sua splendida ampiezza. 

Redazione

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium