/ Attualità

Attualità | 01 settembre 2023, 11:20

Presentato il Festival delle Sagre: "Quest'anno le pro loco sono raddoppiate, prossimo anno le triplicheremo" [VIDEO MENU' E PIANTINA]

24 gli stand che costituiranno il grande ristorante all'aperto in piazza Campo del Palio: quest'anno la novità dei punti dedicati alla somministrazione del vino

Presentato il Festival delle Sagre: "Quest'anno le pro loco sono raddoppiate, prossimo anno le triplicheremo" [VIDEO MENU' E PIANTINA]

Presentata l'edizione 2023 del Festival delle Sagre di Asti, che dopo la parentesi dello scorso anno torna alla sua collocazione naturale di piazza Campo del Palio

Il 9 e il 10 settembre, infatti, Asti ospiterà il più grande ristorante a cielo aperto d'Italia: 24 pro loco del territorio portano in piazza il meglio della tradizione enogastronomica piemontese.

 "L'anno scorso abbiamo gettato il cuore oltre l' ostacolo con un atto di amore verso il territorio - spiegano il sindaco Maurizio Rasero e l'assessore Riccardo Origlia -  quest'anno abbiamo attivato per tempo la macchina organizzativa del Comune. Siamo riusciti a calare nel contesto attuale la tradizione del territorio e la sfilata storica torna nella sua magnificenza e tornare nella sua piazza.  Quest'anno le pro loco sono raddoppiate, il prossimo le triplicheremo. Abbiamo mantenuto l'impegno economico. L'anno scorso sul piatto c'erano 35mila euro, quest'anno 50"

L'allestimento è quello classico del villaggio con casette in muratura, mentre una novità di quest'anno sono le postazioni dedicate alle eccellenze enologiche e non solo del territorio, che serviranno il meglio del vino locale, in grado di offrire un panorama completo sulla grande tradizione vinicola della città e della sua provincia. Nelle sette postazioni "Vino e Acqua" allestite da CAA-AS srl all'interno del Festival delle Sagre sarà presente la più ampia gamma di vini Doc e Docg del Monferrato proposta da 56 cantine astigiane, dal Nord al Sud della provincia.

I VINI

I vini non verranno serviti in calici di vetro ma in bicchieri compostabili, una scelta a tutela della sicurezza e dell'ambiente.

Il bicchiere di vino costerà 2 o 4 euro, a seconda della tipologia; per acquistarlo bisognerà presentare il contrassegno che dimostra di aver acquistato un piatto o una specialità delle proloco in piazza.

Non saranno vendute le bottiglie di vino.

Le bottigliette di acqua da mezzo litro (1 euro ciascuna) arriveranno direttamente dalle Fonti Sant'Anna di Vinadio che si sono prontamente rese disponibili all'evento.

"Abbiamo voluto coinvolgere il più possibile il territorio in tutte le sue sfaccettature, rispettando lo spirito del Festival che mobilita migliaia di astigiani appassionati alla cultura contadina trasmessa di generazione in generazione - spiega Enzo Crucco, presidente di CAA-AS srl - il servizio al pubblico sarà supportato anche da volontari delle Proloco e dell'associazione Auser, enti del territorio ai quali verrà destinato parte del ricavato dalla vendita di vini e acqua'.

Un'iniziativa che ha anche un'anima solidale: CAA-AS srl, in occasione del Festival delle Sagre Astigiane, aderisce infatti progetto "Rinascita Donne" promossa dall'Associazione di solidarietà Rinascita OdV. Si tratta di una raccolta di tappi di sughero Usati che, grazie alla Società "AMORIM Cork" ed al suo progetto etico di riciclo del sughero, permette di ricavare dei fondi per la ristrutturazione della Cascina "Graziella" di Moncalvo d'Asti, bene confiscato alla mafia.

MENU' E PREZZI

Antignano

Tajarin di mais 8 file al sugo di salsiccia €4,50

Crostata di mais con confettura di ciliegie € 2,50

Azzano

Risotto ai funghi  €5

Calliano

Agnolotti d'asino €7

Salamino d'asino € 2,50

Cantarana 

Vitello tonnato € 4,50

Pesche ripiene al forno € 2,80

Casabianca

Polenta fritta con gorgonzola € 3,50

Salame dolce di Casabianca € 2,50

Castellero

Biscotti del parroco alle nocciole € 2,50

Croccanti di nocciole € 2,50

Cortazzone

Tagliatelle all'uovo con tartufo € 6

Pesche al malvasia € 2,50

Costigliole

Ravioli con il "plin"€6

Bunet di Costigliole € 2,50

Cunico

Gnocchi alla cunichese € 4,50

Mombercelli

Friciula (frittella salata) con lardo €4

Mongardino

Risotto alla Barbera d'Asti € 4

Antico "mun" (mattone dolce) € 2,50

Montechiaro

Risotto con tartufo €6

Crema dolce in pasta sfoglia  € 2,50

Montiglio Monferrato

Uova al tegamino con tartufo e polenta € 6,50

Torta di nocciole € 2,50

Quarto d'Asti

Tagliatelle al sugo di salsiccia e peperoni degli orti di Quarto € 4,50

Rotolo al cacao con nocciole € 2,50

Revignano

Zabaglione al Moscato d'Asti € 2,80  

Bunet della nonna € 2,50

Santa Caterina di Rocca d'Arazzo

Agnolotti al sugo di carne €6 

Antico bodino di Casa Savoia € 2,50

San Damiano

Salsiccia alla Barbera d'Asti € 5,50

Torta di mele € 2,50

San Marzanotto

Crostone del contadino con bagnet e acciughe  € 3,50

Lardo macinato, insaporito e spalmato sul pane  € 2,50

Sessant

Carne cruda all'Astigiana  € 5

Torta dolce di pane della tradizione contadina € 2,50

Tonco

Carpionata di tacchino con zucchine € 5,50

Peperoni con bagna cauda € 4

Valenzani

Stufato d'asino al Ruchè con polenta € 7

Il Salamino di maiale al Ruchè € 2.50

Variglie

Pan marià (pane raffermo passato nell'uovo e fritto) € 2,80 

Friciulin di riso  € 2,50

Viarigi

Agnolotti alla moda di Varigi conditi con sugo di arrosto € 6

Villafranca

Tagliatelle ai funghi porcini.. €4,50

Bunet al cioccolato  € 2,50

 I TEMI DELLA SFILATA

Fiore all'occhiello del Festival delle Sagre Astigiane è la grande rievocazione storica che, domenica mattina, anima le vie del centro della città. Una sontuosa sfilata con oltre migliaia di figuranti in costumi originli d'epoca per rievocare la vita nella campagna piemontese tra '800 e '900.

Montiglio Monferrato

L’acqua elemento essenziale di vita e di lavoro del Monferrato agli inizi del ‘900

Antignano

“Antignan el dì d’la fera ed San Sgund” ovvero Antignano il giorno della fiera carolingia

Viarigi

“Al maseng”, il maggengo e la fienagione di una volta

Sessant

Quando la campanella dell’asilo suonava a Sessant

Tonco

“Il tambass”: il gioco della palla a tamburello

Montechiaro

Le sarte di Montechiaro

Variglie

La pesca limonina: coltivazione, raccolta e conservazione

Costigliole

La grandinata del 1968 e la nascita del fondo di solidarietà

Calliano

La fonte solforosa della Pirenta

Mongardino

‘L martinèt (il maglio) ‘d Mungardin e l’antica fabbricazione degli attrezzi agricoli

Santa Caterina di Rocca d’Arazzo

Anno 1918: tornano i soldati…. Arriva la spagnola

San Damiano

La festa ‘d San Roc: la festa di San Rocco

Villafranca

La festa di leva

San Marzanotto

I due San Marziano. Quello della Chiesa e quello della pentola

Quarto

I “saron” di Quarto (i carradori)

Cunico

La vinificazione

Mombercelli

La vecchia fabbrica del torrone

Castellero

La nocciola, principale risorsa economica della vita contadina di un tempo

Casabianca

‘L carbun d’na vira (taglio e commercio della legna)

Azzano

Quando ad emigrare eravamo noi. Sogni, speranze, disperazione verso  “la Merica”

Valenzani

San Martin del masuè (il San Martino del mezzadro)

Cortazzone

L’ultimo viaggio

Revignano

Anduma a viè (la veglia nella stalla)

Cantarana

“Dai magnin alla ciapèta”: dall’antico mestiere di stagnino al carnevale cantaranese

Per assistere al meglio a questo emozionante spettacolo sono disponibili circa 1300 posti a sedere in tribuna in Piazza Alfieri. E possibile prenotarli (gratuitamente, fino ad esaurimento posti) scrivendo una mail a festivalsagre@gmail.com.

Domenica 10 settembre, in concomitanza con il festival delle Sagre Astigiane, nell'area dei giardini pubblici "Parco della Resistenza" sarà allestito un mercatino agroalimentare di prodotti locali a cura del Consorzio EURO F.I.V.A. che vedrà la presenza di circa 20 aziende agricole ed artigiane.

Sia sabato che domenica ci sarà inoltre la possibilità di avere l'annullo filatelico dedicato al Festival.

I PREMI

Anche quest'anno, nei giorni seguenti all'evento, la commissione speciale assegnerà una serie di premi alle Pro Loco, compreso il Supertrofeo "Giovanni Borello", in base a cinque parametri: la sfilata, la casetta, la cucina, il servizio e la qUantità e qualità dei prodotti.

Durante l'intero weekend L'Utea e la Croce Verde di Asti saranno presenti con un "Punto BIMBI", uno spazio appositamente arredato e pronto ad accogliere mamme. papà e neonati. Uno spazio aperto per l'allattamento e la cura del bambino, allestito in collaborazione con il Comune di Asti, gli Alpiní - Sezione ANA di Asti, la Commissione Pari Opportunità della Provincia di Asti e grazie agli sponsor Paniate, Tigotà, Lions Club Asti Alfieri e New Green Impianti srl. L'accesso al "Punto BIMBI'" sarà completamente libero.

PROGRAMMA:

SABATO 9 settembre:

Apertura villaggio gastronomico dalle ore 18.30 alle ore 23.30 con la presenza della banda Città di Asti "G. Cotti"

DOMENICA 10 settembre

partenza sfilata contadina alle ore 9.30

e apertura del Villaggio gastronomico dalle

ore 11.30 alle ore 22.00.

Intervista a Luisella Braghero

Per info: festivalsagre@anmail.com

httos://visit.asti.it/settembre-astigiano/festival-dele-sagre

Martinelli - Franco

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium