/ Attualità

Attualità | 08 febbraio 2024, 11:33

Asti: pronta replica dell'Amministrazione su luminarie e escrementi di piccioni

Riportiamo, a seguito della segnalazione inviata da un lettore, le risposte degli assessori Luigi Giacomini e Mario Bovino

Nel collage fotografico gli assessori Giacomini (a sinistra) e Bovino

Nel collage fotografico gli assessori Giacomini (a sinistra) e Bovino

La lettera di Maurizio Mazzetto, amministratore di condominio e vicepresidente di Confabitare Asti, che ci ha scritto per segnalare il problema degli escrementi di volatili e delle luminarie natalizie ancora accese a metà febbraio (CLICCA QUI per rileggere l'articolo) ha suscitato la pronta risposta dei rispettivi assessori preposti, ovvero Luigi Giacomini (Ambiente) e Mario Bovino (Commercio)

Il primo ci ha inviato una lettera di replica, che pubblichiamo integralmente di seguito, mentre per i dettagli della situazione illustrati dall'assessore al Commercio vi rimandiamo alla prosecuzione dell'articolo.

GIACOMINI: "LA PULIZIA DEGLI ESCREMENTI SPETTA AI CONDOMINI" 

Ringrazio il vice presidente di Confabitare sig. Mazzetto che per avere visibilità preferisce interloquire con i media anziché segnalare direttamente agli uffici preposti il problema.

Come mi auguro sappia visto che di mestiere fa l’amministratore condominiale, tengo a precisare che:

-                   constatata la necessità ed urgenza di contrastare la proliferazione del colombo urbano presso gli immobili di questa Città, con Ordinanza n. 72 del 26/08/2019 si è prescritto agli Amministratori di Condominio ed ai proprietari di singole unità residenziali o di aree/superfici scoperte, ciascuno per le rispettive aree di competenza, di provvedere:

o alla pulizia e alla disinfestazione delle parti degli edifici interessati da eventuali sedimentazioni di escrementi di colombi, alla rimozione delle carcasse, dei nidi, delle uova ove esistenti;

o all’accurato tamponamento di ogni apertura o anfratto, specie nei sottotetti, mediante opere in muratura e/o apposizione di reti, e l’apposizione di dissuasori, comunque tutti sistemi incruenti;

-                   si è disposto il divieto assoluto a chiunque di somministrare alimenti di qualsiasi genere e in qualsiasi luogo ai colombi presenti allo stato libero sul territorio urbano;

-                   in caso di riscontro diretto di inottemperanza alla citata Ordinanza si adottano regolarmente provvedimenti ordinatori specificatamente indirizzati al proprietario o amministratore dell’immobile per inadeguata pulizia e disinfestazione o mancata installazione di idonei presidi;

-                   ulteriori iniziative quali ad esempio la somministrazione di anticoncezionali è stata presa in esame da questo Comune ma richiede tempo e stesso luogo di somministrazione per almeno 5 giorni la settimana per tutto il periodo riproduttivo, senza interferenze, risulta non facilmente eseguibile se non direttamente dai privati sul loro suolo. In collaborazione con la Provincia di Asti è stata valutata la cattura e soppressione: tale tipologia di intervento, peraltro non etica, risulta di dubbia efficacia, si tratta infatti di animali in grado di “compensare” velocemente le avvenute perdite, e richiede l’adozione di un piano di contenimento da parte della Provincia con l’avallo del Ministero. Un ulteriore intervento possibile è stato identificato, a livello nazionale, dall’utilizzo di falconieri in grado di intervenire regolarmente con i propri animali per allontanare dalla città i colombi, tuttavia anche tali interventi, oltre a non essere definitivi in quanto richiedono un regolare utilizzo dei predatori, sono risultati molto onerosi e non sostenibili dagli enti locali;

-                   i sistemi innovativi di dissuasione e la loro costante manutenzione sono sicuramente i presidi più efficaci nel contrasto alla proliferazione del colombo e, infatti, l’Ordinanza del 2019 e le ordinanze ad personam che questo Comune adotta regolarmente, coniugano proprio questa linea di intervento; questo Comune, tuttavia, non può intervenire, ovviamente, sulle aree private o condominiali che si rivelano essere i luoghi in cui continuano a proliferare i colombi urbani. Per quanto riguarda le proprietà comunali si è già intervenuti in alcuni casi quali, ad esempio, il palazzo civico di piazza San Secondo, anch’esso identificato in passato quale luogo di proliferazione.

Luigi Giacomini - Assessore Comunale all'Ambiente 

BOVINO: "LUMINARIE ANCORA ACCESE PER ADEGUAMENTI TECNICI"

"L'appalto per le luminarie - ci ha spiegato l'assessore Bovino - è stato vinto da una ditta genovese, la 'Luminarie Lucio Guagliata', che sta lavorando per aggiornare gli impianti in modo da poterli gestire da remoto".

"Trattandosi di un impianto molto vecchio - ha aggiunto - per poterlo controllare completamente da remoto, senza necessitare di interventi fisici da parte dei tecnico con conseguente costo in termini di tempo e denaro, sono necessari dei lavori di adeguamento che non possono essere eseguiti a impianto spento".

"Non so se la foto che vi è stata inviata sia stata scattata ieri pomeriggio o qualche giorno fa - ha concluso - ma in ogni caso i lavori dovrebbero quasi essere giunti a conclusione, quindi il problema verrà risolto presto".

Gabriele Massaro

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium