/ Cronaca

Cronaca | 20 maggio 2024, 14:59

Poste Italiane potenzia la formazione dei direttori delle filiali per contrastare le truffe

La tempestività di intervento del personale è infatti fondamentale per bloccare eventuali attività illecite

Alessandra Maida, responsabile Fraud Management Nord-Ovest di Poste Italiane

Alessandra Maida, responsabile Fraud Management Nord-Ovest di Poste Italiane

Nell’ambito della formazione rivolta ai direttori dei 120 Uffici Postali della Filiale di Asti, è stata completata una sessione di formazione in modalità webinar sul tema dell’antifrode. L’obiettivo principale di questo corso è sensibilizzare il personale di front-end riguardo alla sicurezza e al contrasto delle truffe ai danni dei clienti.

Alessandra Maida, responsabile Fraud Management Nord-Ovest di Poste Italiane, ha dichiarato: “Lo scopo di questo momento formativo è portare a conoscenza dei colleghi le casistiche principali, alcuni esempi concreti di truffe e fornire loro indicazioni e strumenti per poter intervenire. Riconoscere un tentativo di truffa è fondamentale per evitarla”.

L’Ufficio Postale rappresenta il primo punto di contatto per i cittadini che sospettano di essere stati vittime di frodi. La tempestività di intervento del personale è cruciale per bloccare eventuali transazioni o carte di credito compromesse. In caso di sospetto, gli Uffici Postali possono rivolgersi ai due centri specializzati nella prevenzione delle frodi: il Fraud Prevention Center di Roma e il Centro di Monitoraggio Frodi di Torino. Questi centri, con oltre 100 addetti e vasta esperienza nel campo della sicurezza finanziaria e della cyber security, operano 24 ore su 24 per garantire la sicurezza di tutte le operazioni online e negli oltre 1380 Uffici Postali piemontesi e nei quasi 13.000 Uffici Postali su tutto il territorio italiano.

I Centri monitorano costantemente le transazioni negli Uffici Postali e online, comprese quelle con carte di pagamento, operazioni di eCommerce e del ramo assicurativo di Poste Vita. Utilizzando tecnologie avanzate, supportano gli specialisti nel controllo, dalla prevenzione alla gestione delle operazioni sospette, al fine di elevare ulteriormente la sicurezza finanziaria dell’intero Gruppo e proteggere i cittadini da illeciti e frodi.

Negli ultimi 4 anni, Poste Italiane ha aumentato del 300% gli investimenti in sicurezza fisica e migliorato l’intero dispositivo di prevenzione anticrimine. La riorganizzazione delle Security room con 4 centri di monitoraggio a Roma, Milano, Genova e Napoli, operativi 24 ore su 24, ha contribuito a ridurre il numero di eventi criminosi. 

Nel 2023, le rapine agli Uffici Postali sono state 102, rispetto alle 132 del 2022. La curva degli eventi criminosi è calata in modo ancor più evidente dal 2016 al 2022, passando da 707 a 315 (-55%). Grazie alle nuove misure di sicurezza e alle tecnologie avanzate (videoanalisi, videoronda e analisi biometriche), la percentuale di eventi sventati è aumentata. Anche il denaro sottratto è diminuito, passando dagli 8,1 milioni di euro nel 2016 ai 2,7 milioni del 2022 (1,9 milioni nei primi sei mesi del 2023).

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium