/ Politica

Politica | 06 luglio 2024, 10:46

Nuova interrogazione parlamentare sulla gestione del carcere di Asti [DOCUMENTO]

L'ha presentata l'On. Ivan Scalfarotto (Italia Viva) e fa seguito ad analoga richiesta avanzata dall'On. Andrea Giaccone (Lega)

L'On. Scalfarotto ritratto (ph. Merfephoto) in occasione di una sua visita al carcere di Asti

L'On. Scalfarotto ritratto (ph. Merfephoto) in occasione di una sua visita al carcere di Asti

Dopo quella presentata dall'On. Andrea Giaccone, deputato leghista astigiano e segretario provinciale del partito (CLICCA QUI per rileggere l'articolo), anche l'On. Ivan Scalfarotto, capogruppo di Italia Viva in commissione Giustizia, ha inviato un’interrogazione al ministro della Giustizia, Carlo Nordio, per richiedere un intervento urgente riguardo l’allarme lanciato dai sindacati della polizia penitenziaria del carcere di alta sicurezza di Quarto d'Asti (CLICCA QUI per rileggere l'articolo). 

Dove da mesi, stando a quanto denunciato dalle sigle sindacali, alcuni detenuti non rientrano nelle rispettive celle di appartenenza, mettendo in atto azioni di protesta e cercando di autogestirsi, ignorando le regole.

Riprendendo la nota sindacale Scalfarotto evidenzia che la gestione della struttura parrebbe caratterizzata da una mancanza di direttive e di presenza dei vertici, lasciando la responsabilità a un vice ispettore senza poteri decisionali sufficienti. 

Pertanto il deputato 'renziano' ha chiesto al ministro Nordio quali provvedimenti intenda adottare per ristabilire immediatamente l’ordine e la sicurezza nel carcere di Quarto, garantendo il rispetto delle regole e la protezione del personale penitenziario.

Scalfarotto ha concluso sottolineando che il Paese deve prestare attenzione e investire risorse in un comparto che vede impegnati donne e uomini nel difficile compito di garantire la sicurezza nazionale.

In allegato il testo integrale dell'interpellanza.

Files:
 Interpellanza Scalfarotto sul carcere di Asti (46 kB)

Redazione


Vuoi rimanere informato sulla politica di Asti e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 348 0954317
- inviare un messaggio con il testo ASTI
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
LaVocediAsti.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP ASTI sempre al numero 0039 348 0954317.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium