/ Cultura e tempo libero

Cultura e tempo libero | 07 luglio 2024, 07:20

Canelli è ancora Terre da Film Festival

Il tema: Corpo Sapiens, racconti del corpo. Tutto quello che c'è da sapere sulla quarta edizione

Dal 19 al 21 luglio 2024 si svolgerà la quarta edizione di Terre da Film, il festival di cortometraggi e arti performative che nasce per offrire agli abitanti di Canelli e dintorni un’esperienza di incontri, riflessioni e dialoghi. Cinema a cielo saranno le due piazze del centro storico di Canelli, piazza Cavour e piazza Amedeo d’Aosta, dalle 19 alle 00.30 circa.

Anche quest'anno il Festival mira ad alimentare la partecipazione attiva del pubblico attraverso diverse forme artistiche, strumenti e mezzi di condivisione di valori: cinema, danza, pittura, musica, teatro, poesia e arti circensi. La proposta cinematografica rimane il cuore del Festival, che ad ogni edizione parte da una tematica, una parola o un concetto, attorno a cui sviluppa la programmazione e la collaborazione con le realtà locali.

CINEMA: IL CONCORSO DI CORTOMETRAGGI E LE GIURIE

Il tema scelto quest'anno è CORPO SAPIENS, Racconti dal Corpo: i lavori presentati cercano di evidenziare la centralità del corpo come primo mezzo di espressione e comunicazione. Attraverso la memoria, ogni corpo raccoglie il suo passato e racconta sé stesso: in ogni attività il corpo mostra capacità incredibili, che diventano costitutive della personalità di ciascuno. Ogni corpo racconta una storia. L’intento è quello di mostrare al pubblico quanto un ascolto consapevole del proprio corpo possa incrementare le possibilità di ciascuno.

Dei 300 cortometraggi raccolti ne sono stati selezionati 20, i migliori, i più originali, i più evocativi che verranno sottoposti alla visione di tre diverse giurie:

la Giuria critica, composta dagli esperti: Silvia Cipelletti, Lucia Carolina De Rienzo e Riccardo Costa, i quali hanno sia legami con il territorio, sia una formazione professionale in ambito cinematografico;

la Giuria studentesca: formata da una decina di ragazzi e ragazze, provenienti dagli istituti superiori della zona. Le adesioni sono state raccolte in seguito ai laboratori proposti durante le cogestioni dei diversi istituti;

la Giuria popolare: durante le serate di proiezione il pubblico avrà a disposizione l’elenco dei film (con le relative sinossi) e, tramite un dispositivo cartaceo o digitale, ogni spettatore potrà votare il proprio film preferito della serata. Sommando tutti i voti verrà decretato il miglior film per il pubblico.

CENE E MUSICA

Ma l’interazione tra le diverse culture presenti nel canellese parlerà anche la lingua della gastronomia: durante ogni serata verrà organizzata una cena in piazza con piatti tipici e musiche tradizionali dei diversi gruppi.  Questi momenti di condivisione culturale sono stati progettati insieme ad alcune realtà rappresentanti di queste comunità a Canelli: Associazione Sotto il Baobab e cooperativa Crescere Insieme (Africa Subsahariana); Associazione Il Ponte di Pietra (Macedonia); Coro ANA Vallebelbo e ANPI, sezione Canelli (Piemonte).

DANZA

Durante una delle tre serate del Festival avrà luogo il saggio finale dei laboratori di danza svolti da novembre 2023 a giugno 2024, per due sabati al mese, in collaborazione con l’Associazione Coorpi. Due corsi di danza e percussioni Afro - uno per bambini e uno per adulti - condotti dal danzatore e formatore Doumbia Siaka. L’intento è stato quello di creare relazioni tra cittadini di origini diverse e, attraverso l’esercizio della danza, della musica e del teatro, di promuovere l’esplorazione delle potenzialità̀ del corpo ed educare a una maggiore padronanza del movimento, unita a un ascolto consapevole delle proprie sensazioni. Il progetto è stato rivolto in particolare ai ragazzi ospiti della comunità MSNA Pegaso Junior.

TEATRO

La sera di sabato 20 luglio si terrà in piazza lo spettacolo “Rex”, a cura di Lorenzo Crivellari, giocoliere, musicista e inventore con 10 anni di esperienza di spettacolo dal vivo. “Rex” è uno spettacolo ispirato a Nikola Tesla, dove l'elettricità è protagonista: uno strambo scienziato sperimenta le sue diavolerie inquietanti direttamente sulle persone di fronte a lui. 

PITTURA E POESIA

Nell’ultima serata del Festival, domenica 21 luglio, spazio al concerto disegnato “Io sono invisibile”, un racconto di disegni e suoni a cura di Stefano Porro, Matteo Boglietti e Matteo Cicolin. Stefano Porro è membro del collettivo artistico astigiano “Pikitanka”, che da anni realizza murales in giro per l’Italia, in particolare in Piemonte. Matteo Boglietti e Matteo Cicolin sono invece i membri de la “Casa in collina”, un duo strumentale che fa dell’improvvisazione il proprio mantra. 

MICROFONO APERTO: ARTE IN PIAZZA

Durante tutte le serate verrà riservato uno spazio agli artisti che hanno deciso di partecipare al Microfono Aperto. Attraverso il bando “Arte in Piazza” sono state raccolte adesioni di artisti di ogni genere (musicisti, danzatori, teatranti, circensi, comici…), amatoriali e professionisti, i quali avranno la possibilità di raccontarsi attraverso corpi e voci per quindici minuti. Non si tratta né di una competizione, né di un concorso, ma semplicemente di un’occasione per

condividere un talento o una passione.

WORKSHOP RESIDENZIALE: PUERILIA GANG

Puerilia Gang è un’esperienza immersiva e creativa di gruppo, in stretta relazione al territorio ospitante, per dare vita a dispositivi di gioco, ad azioni corali e partecipative e ad azioni surreali, le quali nasceranno dallo spirito giocoso del gruppo di partecipanti. Il workshop, guidato dal collettivo CRAC (Mara Roberto e Andrea Bianca Maragliano) avrà una natura cross-disciplinare: si muoverà tra le arti performative, facendo esperienza del corpo, del gesto, della presenza nello spazio, a contatto con il paesaggio naturale e culturale i partecipanti nel quale saranno immersi. Nella settimana di residenza creativa si alterneranno momenti di lavoro in natura a momenti di lavoro in paese, per risvegliare un approccio selvatico e intuitivo alla creazione artistica. Il gruppo, la gang, potrà inoltre decidere un’azione corale nello spazio urbano, da ripetere ogni giornata del workshop e presentare in forma partecipata durante l’ultima serata del festival Terre da Film Festival.

ESPOSIZIONI E LABORATORI

Per tutte e tre le serate di Festival saranno presenti diversi banchetti culturali di collettivi, associazioni e gruppi principalmente locali: piccole attività e iniziative che possono così essere valorizzate nel loro ruolo sul territorio. Dalle 19 nelle due piazze i diversi banchi proporranno sia esposizioni di prodotti artistici e artigianali, sia laboratori creativi e ludici. 

L’edizione 2024 del Festival è organizzata da STRIAZ (Studio Azzurro Ricerca) e realizzata con il sostegno della Fondazione Compagnia di San Paolo nell’ambito del bando “Obiettivo cultura – Festival partecipativi”; Bosca S.p.A., Siragusa S.r.l. e il Comune di Canelli.

Valeria Guglielmi

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium